Il BANT diventa sistema bibliotecario

Le biblioteche dell’ovest ticino hanno 35.000 iscritti e 150.000 libri a catalogo

Il BANT, la rete di biblioteche dell’Ovest Ticino, è stato riconosciuto come Sistema bibliotecario in seguito alla delibera regionale n. 18-7820. E’ il secondo “sistema bibliotecario dal basso” della Regione Piemonte, un traguardo molto prestigioso, frutto di un lavoro di rete durato anni e degli importanti risultati raggiunti: il riconoscimento, arrivato dopo un lungo iter a fine 2018, sblocca contributi regionali per potenziare la programmazione e le attività culturali delle biblioteche aderenti. Ora arriverà dalla Regione un contributo aggiuntivo dai 22 ai 25mila euro all’anno.

Al BANT aderiscono le biblioteche dei Comuni di Cameri (capofila), Bellinzago, Castelletto Ticino, Cerano, Galliate e Oleggio a cui nel 2018 si è aggiunto anche Marano Ticino. Le sette biblioteche hanno un prestito libri condiviso (i libri vengono spostati nelle varie sedi in base alle prenotazioni), un festival letterario e servizi di alto livello offerti a coloro che si iscrivono gratuitamente.

I criteri per essere riconosciuti come Sistema bibliotecario sono stringenti: “Ogni Comune deve garantire un adeguato orario di apertura delle biblioteche e deve spendere per incrementare il patrimonio librario e le attività culturali almeno 0,50 centesimi per abitante – spiega Valeria Galli, sindaco di Cameri, Comune capofila del BANT – Poi vengono valutate le attività culturali proposte e i percorsi di innovazione e di formazione. Negli anni tutti i Comuni della rete hanno investito molto e rispettato in pieno tutti i criteri richiesti fino all’ambito riconoscimento che ci equipara a un Sistema bibliotecario”.

Grazie all’attività in rete del BANT la richiesta di libri da leggere è in continuo aumento: sono oltre 60mila i prestiti nell’ultimo anno e quasi 35mila gli utenti iscritti (molti anche da Comuni limitrofi dove l’iscrizione in biblioteca è a pagamento); in crescita anche i titoli a catalogo, circa 140mila libri e 8mila e-book con un acquisto costante delle novità e dei bestseller.

La rete di biblioteche offre anche alla cittadinanza un festival letterario di assoluto richiamo, “BANT Autori”, con ospiti gli scrittori italiani e internazionali del momento: gli incontri proseguiranno fino a marzo con Severgnini, Barbato, Bussola, Pedrinelli, Simi, Moscardelli, Balzano e Pulixi. Questo festival sta ottenendo un ottimo riscontro di pubblico perché risponde alle esigenze specifiche dei lettori dei paesi interessati: a Cerano ad esempio sono stati coinvolti i ragazzi dell’Istituto “Ramati” con un appuntamento dedicato, mentre a Castelletto l’ultimo incontro con Helena Janeczek è coinciso con l’apertura straordinaria del castello, residenza privata solitamente non accessibile al pubblico.

Tra le altre iniziative, avviate negli scorsi anni, una corposa iniziativa per il lancio del servizio di prestito e-book e per potenziare la lettura digitale, oltre alle sempre importanti iniziative dedicate a bambini e ragazzi delle scuole, con incontri, laboratori e un concorso per realizzare un booktrailer che sarà riproposto nel 2019 dopo il successo della passata edizione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Novara, in casa aveva 10 chili di droga e 7mila euro in contanti: arrestato

  • Cronaca

    Novara, 33enne in manette per droga: sequestrati due chili di cocaina

  • Cronaca

    Cantante romano arrestato a Novara: è accusato di rapina aggravata

  • Verbano Cusio Ossola

    Camion in fiamme a Feriolo, Statale 34 bloccata

I più letti della settimana

  • Verbania, si sente male e muore a soli 22 anni

  • Bellinzago, schianto sulla pista da motocross: 23enne gravissimo in ospedale

  • All'outlet di Vicolungo apre "Antonino: Il Banco di Cannavacciuolo"

  • Novara: entra a casa della ex, lei chiama la polizia ma lui le strappa il telefono

  • Novara, picchia e tenta di accoltellare il padre

  • Viene colpito violentemente da un ramo: agricoltore muore al pronto soccorso

Torna su
NovaraToday è in caricamento