Borgomanero, abbattuti i capannoni dell’ex area Giustina per il sottopasso

Lo stabile era già stato acquisito dal Comune circa una ventina di anni fa

Proseguono i lavori in corso a Borgomanero per il sottopasso. “Quanto prima inizieranno le attività per la realizzazione del manufatto del tunnel, che permetterà di bipassare le linee ferroviera rie della Novara-Domodossola e quella dismessa della Santhià-Arona”. Sono le parole del sindaco di Borgomanero Sergio Bossi.  Il sottopasso collegherà  via Arona e via Fratelli Maioni, dopo lo smantellamento di uno dei fabbricati industriali storici della città, che ha ospitato prima la Omcsa e poi le Rubinetterie Giustina. Il Comune aveva acquisito lo stabile una ventina di anni or sono. Il mese scorso era stata completata, da parte degli artificieri dell’Esercito, la bonifica dell’area. Più avanti, un secondo sottopasso collegherà via Verdi a via Monsignor Cavigioli e sarà realizzato nella frazione San Marco. La realizzazione di queste due opere consentirà la chiusura dei passaggi a livello che rappresentano una vera e propria strozzatura al traffico cittadino e un impedimento ai mezzi di soccorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, dal 3 giugno niente più mascherina obbligatoria all'aperto in Piemonte

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

  • Novara, c'è la data ufficiale di apertura del supermercato Aldi in corso della Vittoria

  • Elettrocardiogrammi: dal 3 giugno necessaria la prenotazione per effettuare l'esame

Torna su
NovaraToday è in caricamento