Donato alla polizia di Novara un defibrillatore: sarà in dotazione alle Volanti

La donazione della Croce Rossa Italiana

Con la donazione di un defibrillatore da parte della Croce Rossa Italiana alla Polizia di Stato di Novara, quest’ultima entra a far parte a pieno titolo della rete di risposta alle emergenze cardiache.

L’iniziativa ha dato il via ad una campagna di sensibilizzazione del personale, con la richiesta di volontari da adibire al primo soccorso, con un interessamento di   quaranta operatori in servizio presso tutti gli uffici della Polizia di Stato. La perfetta sintonia tra la Questura e la Croce Rossa Italiana di Novara ha reso infatti possibile la realizzazione di un ambizioso progetto che ha visto il suo approdo nella donazione di un defibrillatore al personale della Squadra Volanti.

Il progetto ha avuto l’obiettivo di rendere consapevole il personale della necessità di fronteggiare efficacemente un’emergenza in strada e dell’opportunità di acquisire una preparazione adeguata per intervenire in luoghi e in circostanze critiche. L’adesione del personale è stata immediata ed elevato è stato il numero degli operatori che si sono resi disponibili a partecipare al progetto, rispondendo all’appello con grande senso del dovere e di responsabilità. È stato quindi predisposto un piano di formazione, con il personale sanitario della Croce Rossa, sulle manovre di base di rianimazione cardiopolmonare e sull’utilizzo dei defibrillatori. La Squadra Volanti di Novara è infatti una della primissime in  Italia ad essere dotata del DAE all’interno della “Pantera”.

Un risultato sicuramente degno di nota che ha visto la formazione di un operatore di volante per ciascun turno di modo da garantire il tempestivo utilizzo del dispositivo nel momento del bisogno su ciascun quadrante del servizio.

Tale risultato rappresenta solo il punto di partenza di una collaborazione, quella tra la Questura e la Croce Rossa Italiana, che ha visto, in questa prima fase, una piena sinergia tra gli attori del progetto. Ed infatti, un ulteriore obiettivo sarà quello di incrementare il numero dei DAE in uso così da poter dare una risposta ancora più efficace. Un ringraziamento particolare rivolge il Questore al Dirigente delle Volanti Dr. Nottebella e a tutto il personale della Polizia di Stato, per l’entusiasmo con cui hanno aderito alla lodevole iniziativa che comporta comunque una assunzione di grande responsabilità che va oltre i normali compiti di istituto.

Con l’occasione si comunica che da ottobre il Dr. Vincenzo Petrino, specializzato in chirurgia d’urgenza e medicina legale, medico della Polizia di Stato per l’intera provincia di Novara lascerà la Questura di Novara per sopraggiunti limiti d’età. E’ stata per trent’anni una presenza molto apprezzata, garbata e competente, non solo per il personale di polizia ma per l’intera città di Novara per la quale è sempre stato un autorevole punto di riferimento. Ci preme sottolineare che l’iniziativa sopraindicata è stata fortemente voluta dal Dr. Petrino e rappresenta un suo modo di salutare la città, offrendo un servizio utilissimo all’intera comunità novarese.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borgomanero, chiuso dal Questore il bar Capolinea: "Abituale ritrovo di persone pericolose"

  • Fontaneto, schianto mortale: e' un anziano di Oleggio molto conosciuto la vittima dell'incidente

  • Fontaneto, schianto fra due auto: è morto l'uomo portato in gravi condizioni a Borgomanero

  • Fontaneto, schianto fra auto: un uomo in pericolo di vita e una altro gravissimo in rianimazione

  • Incidente a Novara, pedone investito da un'auto in corso Risorgimento

  • Palpeggia una bambina sulle scale del condominio: in manette 24enne di Novara

Torna su
NovaraToday è in caricamento