Coronavirus: bar, ristoranti e attività di Arona donano 10mila euro all'ospedale di Borgomanero

Il comunicato di Ascom Arona: "Speriamo che questa iniziativa possa sensibilizzare i colleghi del nostro settore e anche quelli di altre categorie e di altre località della provincia"

Arona - Foto di repertorio

Le attività di somministrazione di Arona, in collaborazione con Ascom Confcommercio, hanno raccolto 10mila euro e li hanno donati all’ospedale di Borgomanero.

Coronavirus, le isole Borromeo si illuminano con i colori della bandiera italiana

I soldi racconti saranno utilizzati per acquistare forniture ed esigenze connesse all’emergenza Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, raccolti oltre 100mila euro per l'ospedale di Borgomanero

"In queste settimane di chiusura forzata - ha spiegato Nicolò Simoni, presidente di Ascom Arona - ci siamo parlati tra colleghi e ci siamo trovati tutti d’accordo, nonostante il momento di estrema difficoltà, nel promuovere una raccolta di fondi. Bar, gelaterie, ristoranti, pizzerie e pasticcerie di Arona sono stati pronti e generosi nel dare il proprio contributo per un totale di 10mila euro che abbiamo già consegnato con gioia all’ospedale di Borgomanero. Speriamo che questa iniziativa, nata spontaneamente, possa sensibilizzare i colleghi del nostro settore
e anche quelli di altre categorie e di altre località della provincia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento