Il centenario dell’Associazione nazionale combattenti e reduci 1919-2019: eletto il nuovo direttivo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Nuove energie e nuove idee si affiancano ai tradizionali valori per definire il programma dei prossimi 3 anni della sezione di Novara dell’Ass.ne Naz. Combattenti e Reduci. Eletto Presidente all’unanimità Carlo Malvisi, Cavaliere della Repubblica , Capitano della Riserva dell’Esercito. Innumerevoli i suoi impegni nel sociale, (Croce Rossa Italiana, Assoarma). Accanto a lui sono stati eletti Andrea Fornara Vice Presidente, Marco Lovison Sindaco e Maria Rosa Marsilio Segretaria d’Associazione. La sezione di Novara “attraverso l’educazione sociale e civica e senza nessuna forma di attivismo politico” si propone di sensibilizzare soprattutto i cittadini più giovani, alla riscoperta di quei valori e iniziative che fanno parte del bagaglio storico e culturale del nostro territorio. Carlo Malvisi: “nella nostra associazione abbiamo la fortuna di avere un’ampia fascia anagrafica caratterizzata da variegate competenze professionali. Questo ci permetterà di dare luce ad iniziative sociali, facendo tesoro di suggerimenti e proposte di tutti gli iscritti”. Gli obiettivi spaziano dal sociale alla promozione di iniziative culturali, del ricordo dei Caduti, che rimane “uno dei punti d’onore della nostra Associazione” continua Malvisi. Ma non solo: la Presidenza Malvisi si pone come un collegamento attivo e sensibile con finalità educative rivolte alle scuole, alla tutela del patrimonio storico attraverso una continua osmosi con Autorità ed organi istituzionali. La gestione di affari giuridici ed amministrativi (ricerca di informazioni sui combattenti, dispersi e Caduti); la promozione di iniziative a scopo benefico-caritativo. Un grande impegno per il territorio novarese, grandi iniziative per veicolare memoria e ricordo attualizzando i contenuti e dando nuovo slancio ad un’Associazione che è parte della Storia di questa città.

Torna su
NovaraToday è in caricamento