Novara, pronta la nuova illuminazione "artistica" della Cupola

Dopo un mese "al buio" il simbolo della città torna a splendere

La Cupola torna a risplendere grazie alla nuova illuminazione artistica.

Il sindaco Alessandro Canelli e l’assessore alla Cura della Città Federico Perugini illustrano gli interventi che, dal 22 ottobre, hanno avuto per oggetto il monumento simbolo della città. "Poco più di un mese di “buio” - spiegano il sindaco e l’assessore – è stato il tempo necessario per procedere con la posa di un più moderno impianto d’illuminazione, intervento che si è concluso in questi giorni e che ha restituito alla città un capolavoro architettonico ulteriormente valorizzato in tutta la sua bellezza e il suo pregio. Come si ricorderà, questo intervento rientra nel progetto sulla pubblica illuminazione che l’Amministrazione ha avviato in primavera con la società “Citelum sa” su base di convenzione Consip per la durata di nove anni. Tra gli impegni di “Citelum sa”, che ha in gestione tutti gli impianti di illuminazione e semaforici del Comune e che ne cura la manutenzione straordinaria, rientrano quello dell'installazione di circa duecento telecamere per la videosorveglianza e quello, appunto, della posa dell'illuminazione artistica della Cupola di San Gaudenzio, sviluppato dalla società “Atlantico spa” con l’ausilio di tecnologia Signify che ha fornito le proprie soluzioni Philips “Koloro Kinetics”, a oggi quanto di più avanzato in ambito di illuminazione Led dinamica. In futuro pensiamo di impiegarla anche per altri monumenti cittadini".

Tecnicamente i lavori di rifacimento dell’impianto hanno una duplice valenza. "Da un lato – aggiungono il sindaco e l’assessore – questo intervento consente innanzitutto un miglioramento qualitativo sul piano tecnologico dell’illuminazione della Cupola: il personale incaricato dell’Ufficio tecnico, d’ora in avanti, potrà infatti intervenire senza dover accedere materialmente ai fari finora utilizzati, gestendone l’accensione da una consolle interna posizionata all’interno del Museo “Faraggiana”, che mette in collegamento le postazioni illuminanti distanti tra loro attraverso un sistema di comunicazione wireless  criptato e in grado di trasmettere i comandi ai singoli controllori di campo. Rispetto al passato è inoltre possibile ottenere diversi giochi di luce e l’impiego di diversi colori: questo plus rispetto al passato ci consentirà, tra l’altro, di rispondere alle richieste di numerose associazioni che spesso hanno fatto richiesta di poter illuminare la Cupola, durante particolari giornate commemorative o di sensibilizzazione pubblica, utilizzando un preciso colore riconducibile all’attività del sodalizio in questione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Incidente a Novara, auto si schianta contro un dehors in via Pontida

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: dal 10 luglio niente più distanziamento su treni e bus

  • Incidente a Paruzzaro: schianto tra auto e camion, un ferito grave

  • Coronavirus, pronta una nuova ordinanza in Piemonte: niente più distanziamento sociale sui mezzi pubblici

  • Incidente in tangenziale a Novara: motociclista finisce contro il guard rail

Torna su
NovaraToday è in caricamento