"In bici a pelo d’acqua", nasce l'itinerario da Novara alla Svizzera

Finanziato il progetto per le reti cicloturistiche, alla scoperta della cultura, della natura, della storia e dell’enogastronomia

L’Agenzia Turistica Locale della Provincia di Novara ha brillantemente superato le varie fasi di selezione del PROGRAMMA DI COOPERAZIONE INTERREG V – A ITALIA SVIZZERA con il progetto "In bici a pelo d’acqua pedalando senza fretta nell’area transfrontaliera, dal Vallese al Novarese, lungo le reti cicloturistiche, alla scoperta della cultura, della natura, della storia e dell’enogastronomia".

A fronte di un totale di 59 progetti presentati sull’Asse II, 20 sono stati ammessi e finanziati con un ammontare di risorse pari a 32,5 milioni di euro messi a disposizioni dall’Italia e 5,5 milioni di franchi per la parte svizzera. In Bici a Pelo d’acqua si è classificato tra i progetti terzo assoluto.

In particolare la progettazione è dedicata nelle sue azioni di sviluppo tra le vallate alpine di rara bellezza del Vallese, ai piedi di cime imponenti per spostarsi fino alle dolci colline vitivinicole novaresi, territori da attraversare con lentezza, in bicicletta o a piedi, per gustare poco alla volta tutta la loro ricchezza fatta di cultura, paesaggi, profumi e sapori, pedalando dolcemente fino alla pianura novarese. Un unico grande itinerario dominato dal fattor comune dell’acqua, con grandi fiumi come il Rodano, il Toce e il Ticino, laghi come quello di Mergozzo e di Orta, una fitta rete di canali irrigui che portano la vita in risaia. A poter guardare questo spettacolo dall’alto non si farebbe nemmeno caso alla distinzione tra Italia e Svizzera, ma sicuramente si vedrebbero tutte quelle strade in mezzo alla natura che In Bici a Pelo d’Acqua vuole unire e organizzare, per farne uno dei più affascinanti itinerari ciclo-turistici a disposizione di un pubblico che sempre più numeroso guarda ad un turismo responsabile ecosostenibile. La sfida è quella di aumentare l’attrattività dell’intera area, sapendo che solo l’unione può fare la forza. E con l’obiettivo di potenziare e valorizzare gli itinerari ciclabili esistenti attraverso la realizzazione di interventi condivisi e fortemente innovativi per il territorio, che riguarderanno ad esempio il potenziamento delle competenze degli operatori economici, turistici e culturali, la comunicazione, la cartellonistica specifica, l’uso di tecnologie cartografiche avanzate, recupero e trasporto bagagli, pensiline fotovoltaiche per ricarica e-bike e tanto altro ancora!

Il valore totale del progetto è di 900.000 euro per la parte italiana e di ulteriori 181.000,00 franchi per la parte francese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento