Mercatone Uno: protestano 200 lavoratori che rischiano il lavoro fra Novarese e Vco

Una delegazione è andata a Roma per l'incontro con il Ministero dello sviluppo economico

Circa 200 i lavoratori del Mercatone Uno che ieri, giovedì 18 aprile, hanno deciso di protestare per un motivo ben preciso: avere chiarezza sul futuro lavorativo. Un sit in c'è stato a Trecate e si è fatto sciopero anche nel Vco, a Gravellona. La situazione, che sembrava essersi risollevata, è precipitata di nuovo quando la Shernon holding, che ha acquisito i 55 negozi di tutta Italia, l'11 aprile ha avanzato richiesta di concordato preventivo. E per i lavoratori questa mossa ha un solo significato: preparare la catena di negozi al fallimento. Ecco perché la decisione di scioperare e chiedere informazioni.

Fra Novarese e Vco i punti vendita sono tanti: Trecate, Caltignaga, Pombia, Romagnano, Gravellona, Crevoladossola, per un totale di 200 lavoratori, mentre in tutta Italia sono circa 2mila. A seguire i lavoratori nel Novarese Stella Cepile, di Cgil: "Vogliamo capire e noi ancora prima della richiesta di concordato avevamo chiesto un incontro con il Mise (ministero dello sviluppo economico). La situazione è difficile e un grande problema è  la gestione dei clienti: si arrabbiano perché la merce non arriva". Non solo, MercatoneUno non può neanche restituire gli acconti perché tutti i conti sono stati bloccati.

Sempre ieri una delegazione di Novar e Vco è andata proprio a Roma per l'incontro con Mise e altri enti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, scuole chiuse e manifestazioni sospese a Novara: l'ordinanza del Comune

  • Coronavirus, tende da campo davanti al pronto soccorso di Novara

  • Coronavirus, in Piemonte un caso confermato: negativi gli altri 15

  • Incidente a Novara, è morto il bambino investito in corso Trieste

  • Bambino investito a Novara: gravissimo in ospedale

  • Coronavirus: annullate le sfilate di carnevale a Oleggio, Galliate e Trecate, chiuso il Tredicino

Torna su
NovaraToday è in caricamento