Novara, nuovi lavori al Castello: a maggio partono i micro-cantieri nel fossato

Un intervento "innovativo e virtuoso" che riguarderà le mura esterne del Castello

Il Castello di Novara

Con la fine di maggio partiranno nuovi "micro-cantieri" al Castello di Novara, propedeutici al recupero complessivo della struttura. L'intervento riguarderà le mura del fossato e servirà a definire con certezza le modalità dei futuri lavori di restauro conservativo, finanziati con fondi europei.

In questi giorni l’amministrazione ha infatti deciso di individuare gli operatori economici interessati attraverso un invito a una procedura negoziata senza la pubblicazione del bando di gara: "Un’indagine di mercato e una procedura - ha spiegato il sindaco Alessandro Canelli - che ci consentono di avviare, secondo le esigenze ed entro la fine del mese di maggio, dieci diversi 'micro-cantieri' che verranno gestiti da un’unica ditta aggiudicataria altamente specializzata nel restauro conservativo di edifici storici vincolati. Tengo a sottolineare che questo iter è stato avviato dal nostro Servizio Lavori pubblici e che possiamo definirlo innovativo e virtuoso rispetto a questo particolare settore della pubblica amministrazione. Il procedimento si è ulteriormente definito al termine delle indagini svolte sulle strutture del fossato, dallo scorso mese di agosto, da parte degli incaricati del Politecnico di Milano".

I professori dell’ateneo milanese "hanno rilevato - ha aggiunto il primo cittadino - che le mura sono state costruite in epoche diverse e che, anche quando risalgono allo stesso periodo, hanno visto il lavoro eseguito da maestranze tra loro indipendenti, che hanno utilizzato materiali e tecniche costruttive differenti l’una dall’altra. Per questo motivo, nell’ottica dei futuri lavori per la conservazione complessiva del fossato, si rende necessario conoscere preventivamente, attraverso le verifiche da parte dei'“micro-cantieri' di restauro che intendiamo avviare, quali potranno essere gli interventi che meglio si adattano alle esigenze di ciascuna porzione della costruzione per un miglior risultato finale".

Il termine per la presentazione delle domande da parte delle aziende interessate, che dovranno ovviamente rispondere a precisi requisiti, è il 6 maggio: "Sulla base di questa indagine conoscitiva tra le aziende interessate - ha concluso il sindaco - svolta sotto la supervisione e le verifiche del nostro Settore Lavori pubblici, si arriverà all’aggiudicazione degli interventi per un importo complessivo di circa 95mila euro, compresi gli oneri di sicurezza e Iva esclusa. Come tutti gli interventi che riguardano il recupero del Castello, l’appalto rientra tra quelli finanziati dal Programma operativo regionale attraverso il Fondo europeo di sviluppo regionale".

Potrebbe interessarti

  • Come smettere di fumare in dieci passi

  • I 3 migliori spioncini digitali per porte blindate

  • Da settembre panoramica dentaria presso la Radiologia di Arona

  • Il potassio: dove trovarlo e i benefici

I più letti della settimana

  • Esselunga assume a Novara e provincia: come candidarsi

  • Giovane novarese scomparso in Spagna: l'appello della famiglia

  • Creavoladossola, donna trovata morta nella notte nei boschi vicino a casa

  • Incidente a Trecate, frontale prima dell'alba sulla provinciale: le auto prendono fuoco

  • Arriva "Antonino Chef Academy”: strada chiusa due mesi per lo show di Cannavacciuolo

  • Castelletto Ticino, rimane schiacciato da una pianta che stava tagliando: morto sul colpo

Torna su
NovaraToday è in caricamento