Torretta confiscata alla mafia, arrivano i fondi per riqualificarla

Il Comune di Borgomanero è tra i Comuni assegnatari per il riutilizzo di beni immobili confiscati alla criminalità organizzata

Il Comune di Borgomanero è tra i Comuni della regione Piemonte assegnatari dei fondi stanziati per il riutilizzo di beni immobili confiscati alla criminalità organizzata.

Saranno destinati alla Città 29.000 euro per recuperare la Torretta e destinarla ad attività di aggregazione e socializzazione. Il contributo è stato assegnato grazie alla partecipazione, del Comune di
Borgomanero, al bando emanato dalla regione nel mese di settembre in attuazione della legge n.14/2007. "Il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità rappresenta una grande opportunità per la nostra Città – sotto linea l’assessore Elisa Zanetta - perché ci permetterà dopo le opere di recupero dello stabile di mettere a disposizione della Comunità nuovi spazi a fini sociali”. Aggiunge poi” La
Torretta sarà quindi il simbolo cittadino della legalità”.

Potrebbe interessarti

  • Aperitivo a Novara: 6 locali da non perdere

  • Ospedale Maggiore, ostetricia e ginecologia al vertice della classifica regionale

  • Borgomanero, Mauro Porta nuovo primario di Ortopedia e Traumatologia

  • Come pulire ed igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Piscine a Novara: tutte le tariffe e gli orari dell'estate 2019

  • Ritrovato a Galliate il geometra scomparso da lunedì: sta bene

  • Incidente a Novara: si ribalta in pieno centro a Pernate

  • Geometra scomparso a Bellinzago: l'appello della famiglia

  • Ghemme, punto da un insetto: tenta di salvarsi ma muore il giorno dopo

  • Borgomanero, azienda evade oltre un milione di euro: scoperti anche 15 lavoratori in nero

Torna su
NovaraToday è in caricamento