Il medico Sante Bongo saluta il Maggiore con una lectio magistralis

E' stata anche presentata la conclusione dei lavori di dell’Unità di terapia intensiva cardiologica

Ha scelto una lectio magistralis Angelo Sante Bongo, direttore del dipartimento “toraco-cardio-vascolare” e della struttura complessa a direzione ospedaliera Cardiologia 2 dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara, per congedarsi dall’ospedale Maggiore: “Unità coronarica: ieri, oggi, domani”.

Nell’occasione è stata presentata la conclusione dei lavori di dell’Unità di terapia intensiva cardiologica al piano rialzato del padiglione A dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara. I lavori hanno permesso la creazione di ulteriori 3 posti letto, permettendo così alla struttura di raggiungere il numero complessivo di 12: è stato utilizzato uno spazio periferico al reparto, in passato adibito a magazzino, nel quale sono stati realizzati locali e studi per il personale medico e assistenziale.

Il magazzino è stato invece realizzato ex-novo utilizzando una terrazza esterna a copertura di un cortile interno, raggiungibile attraverso la trasformazione di una finestra in porta antincendio.

I nuovi posti letto creati sono stati ubicati in posizione baricentrica all’area, che ha una superficie complessiva di oltre 300 mq.

I lavori sono stati eseguiti avendo cura di non sospendere l’attività del reparto, grazie alla collaborazione di tutti. Così sono stati rispettati i tempi e contenuti i disagi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A piedi sulla A4 armato di un coltello, fugge nei campi alla vista della polizia: caccia all'uomo

  • Operazione interforze in stazione: chiuso un bar dopo il tentato omicidio, controllate 125 persone

  • Le Frecce Tricolori su Novara: il decollo da Cameri della pattuglia acrobatica

  • Incidente a Mandello, perde il controllo del suv e si incastra in un canale

  • Incidente a Novara, schianto fra due auto in corso della Vittoria: ragazza incastrata tra le lamiere

  • Verbania, scoperto meccanico e carrozziere abusivo

Torna su
NovaraToday è in caricamento