Il Teatro Coccia a Genova con "Otto in buca"

Martedì 13 novembre in scena lo spettacolo del teatro novarese realizzato con Eniscuola

Foto Finotti

Non si ferma il cammino di "Otto in Buca", lo spettacolo frutto della terza edizione di Scienze in Atto, il progetto di divulgazione scientifica ideato dal Teatro Coccia di Novara in collaborazione con Eniscuola e rivolto nella stagione 2017/2018 alle scuole secondarie di Venezia e di Mestre.

Dopo le tappe di maggio a Mestre e Gela, lo spettacolo inaugura la 23ª edizione del Salone della Scuola, della Formazione, dell’Orientamento e del Lavoro Orientamenti a Genova, martedì 13 novembre alle 10.30 nella Sala Maestrale del Centro Congressi - Porto Antico.

Obiettivo di Scienze in Atto è quello di favorire la divulgazione e lo sviluppo scientifico attraverso l'elaborazione e la rappresentazione di un testo teatrale. La scienza fornisce i contenuti e l’arte teatrale gli strumenti tecnici e creativi per comunicarli. Il progetto mira ad avvicinare i ragazzi a temi scientifici e a favorirne una personale rielaborazione attraverso l’ideazione e la scrittura di un testo teatrale.

Nell’edizione 2017/2018 erano coinvolti i ragazzi del Liceo Classico Franchetti di Mestre, del Liceo Scientifico Giordano Bruno di Mestre e del Liceo Classico Europeo Foscarini di Venezia - circa 60 ragazzi - che hanno seguito dei seminari di formazione scientifica sul tema della "bioraffinazione" a cura di Eni.

In seguito, coadiuvati dalla drammaturga Federica Di Rosa, i ragazzi hanno lavorato alla creazione di un testo di prosa. Il lavoro è stato sviluppato a partire da un classico del teatro, "Il giardino dei ciliegi" di Anton Cechov, i cui aspetti di struttura e contenuto sono stati poi sviluppati seguendo il tema della bioraffinazione.

L’obiettivo è stato quello di lavorare sulla trasposizione del testo, creando una drammaturgia autonoma in tre atti: una volta ideata una struttura comune, ogni classe si è occupata di sviluppare e scrivere un singolo atto.

Il Teatro Coccia si è occupato della messa in scena dello scritto prodotto dagli studenti, avvalendosi di attori professionisti, con la regia di Mercedes Martini.

Lo spettacolo è la storia di sette personaggi e di un giardino che non dà più frutti. Le loro vite rotolano come su un tavolo da biliardo, il passato sta scivolando via per sempre e ognuno di loro cerca di dare il colpo giusto per far andare la palla in buca. Smarriti, nostalgici, idealisti, conservatori e innovatori, in questo gioco si muovono come possono e come riescono. Sullo sfondo, una provincia veneta e una vecchia raffineria che rischia di chiudere. All’orizzonte, una nuova possibilità per far rinascere quel luogo: la bioraffineria..

Nel ruolo di Firs Alberto Mancioppi, Anja Selene Demaria, Lopachin Giovanni De Giorgi, Gaev Alberto Fasoli, Trofimov Gilberto Giuliani, Varia è Federica Kessisoglu, Liuba Paola Morales. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ricetta della paniscia novarese

  • Incidente sul lavoro a Novara, operaio cade dal ponteggio: morto sul colpo

  • Incidente sul lavoro a Novara, si indaga per capire perchè sia caduto dal ponteggio l'operaio

  • Cosa fare in città: gli appuntamenti del fine settimana del 7 e 8 dicembre

  • Novara, giravano in auto per le vie della città controllando le case: nel bagagliaio trovati arnesi da scasso

  • Incidente a Castellazzo: perdono il controllo dell'auto e si ribaltano nel canale

Torna su
NovaraToday è in caricamento