Borgomanero, il "Premio della bontà 2019" ai primari in pensione che hanno allestito un poliambulatorio gratuito

I protagonisti di questa "buona azione" scelta quali esempi per i giovani saranno presenti alla cerimonia pubblica di premiazione sabato 1 giugno in Basilica del Santo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Torna anche per quest’anno il "buon esempio" premiato dall’Arciconfraternita del Santo, dal 1975 promotrice del Premio Nazionale della Bontà Sant’Antonio di Padova, attraverso il quale desidera evidenziare come nella quotidianità vi siano persone non indifferenti e che si prodigano per agli altri.

Accanto ai partecipanti alla fase concorsuale riservata alle scuole primarie e secondarie di I e II grado di tutta Italia ogni anno, infatti, l’Arciconfraternita si propone di individuare uno o più protagonisti che nella vita "adulta" abbiano reso tangibile testimonianza degli insegnamenti del Vangelo. Per la 45 esima edizione, il Premio della Bontà 2019 va ad un esempio di eticità nello svolgimento della propria professione che risponde al tema individuato per quest’anno dal consiglio direttivo dell’Arciconfraternita: "Non è sufficiente non fare il male per sentirsi giusti. È necessario fare il bene e promuovere ogni bene nella società". Il tema è ispirato dalle parole del Santo Padre, sempre attento alle inquietudini del mondo giovanile spesso affamato di futuro, pronunciate in occasione del dialogo con i giovani al Circo Massimo nell’agosto scorso.

I primari medici in pensione del poliambulatorio Auser di Borgomanero vincono il Premio della Bontà 2019. Essere al servizio di chi soffre: per i medici non è solo un "mestiere" ma una missione. "Uno stupendo gesto di solidarietà", così il consiglio direttivo dell’Arciconfraternita di Sant’Antonio ha definito il gesto operato da un gruppo di primari medici in pensione presso la sezione Auser di Borgomanero (Novara), rivolto alle fasce più deboli della popolazione. Questo gruppo di 23 medici in pensione - cardiologi, dermatologi, radiologi, urologi, nefrologi - si prende cura gratuitamente di pazienti che non possono permettersi cure specialistiche. Nel 2017 sono state visitate millecinquecento persone. Una idea virtuosa partita, dalla presidente dell’Auser Maria Bonomi, già sindacalista, che ha chiesto a questi medici un aiuto per curare rifugiati, pensionati, disoccupati, persone in difficoltà economica. Invito raccolto con entusiasmo da parte dal primario cardiologo Piero Sacchi, deceduto nel 2015, dall’urologo Sergio Cavallaro e dal nefrologo Felice Fortina che misero insieme un gruppo di 23 medici per circa 17 specializzazioni, tutti a disposizione gratuita dei pazienti.

"Riteniamo - ha commentato il priore dell’Arciconfraternita Dr. Leonardo Di Ascenzo - che un tale esempio di volontariato da parte di un gruppo di professionisti in quiescenza, i quali potrebbero tranquillamente e legittimamente dedicare il loro tempo a continuare l’arte medica a titolo remunerativo, costituisca per i giovani del Premio della Bontà sant'Antonio di Padova e per la società intera un indubbio modello di bontà e di valorizzazione delle professionalità individuali per una salvaguardia della dignità umana, nel momento della sua massima vulnerabilità ovvero la malattia. Ci auguriamo che il nostro riconoscimento possa gratificare questo operato, che rappresenta un modello concreto di come si possa dare sostanza all’imperativo morale di ogni medico che è quello di portare lenimento all’umano patire e accompagnare i signori ammalati nel momento del bisogno, con professionalità e dignità anche alle periferie del mondo, dove anche lo Stato più evoluto con difficoltà riesce ad agire".

Accanto ai Premi della Bontà, si è conclusa la fase concorsuale del Premio riservata alle scuole primarie e secondarie di I e II grado. Come per le precedenti edizioni, grandissima partecipazione: ben 1007 elaborati sono giunti alla segreteria organizzativa del Premio dalle scuole di tutta Italia e sono ora al vaglio della giuria che a breve selezionerà i vincitori. Le due cerimonie conclusive del Premio Nazionale della Bontà di Sant’Antonio, una civica ed una religiosa si terranno nella serata di sabato 1 e nella mattina di domenica 2 giugno a Padova, alla presenza del Delegato Pontificio della Basilica di Sant’Antonio, Sua Eccellenza Rev.ma Monsignor Fabio Dal Cin, per il quale sarà la prima volta.

Torna su
NovaraToday è in caricamento