Vercelli: si accende una sigaretta nella camera dell'ospedale, paziente gravemente ustionato

L'uomo stava seguendo una terapia a base di ossigeno quanto è scoppiata la fiammata

Foto di repertorio

I suoi compagni di stanza dormivano, così si è acceso una sigaretta ed è scoppiato un incendio.

È successo giovedì 18 gennaio all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli. Un 69enne, residente in una casa di riposo, si trovava nel reparto di pneumologia sottoposto all'ossigeno terapia quando si è acceso una sigaretta. Dopo pochi secondi è esplosa la fiammata, che ha provocato l'incendio del letto del paziente. Sono immediatamente intervenuti un'infermiera e un medico, che hanno spostato gli altri due uomini che si trovavano nella stanza, fortunatamente rimasti illesi. Il 69enne invece ha riportato gravissime ustioni ed è stato trasportato d'urgenza dal Cto di Torino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le fiamme sono state poi spente dal personale dell'ospedale, mentre i vigili del fuoco hanno effettuato un sopralluogo per verificare le condizioni della stanza, che è stata sequestrata e messa a disposizioni degli inquirenti che indagheranno sull'accaduto. Per precauzione alcuni pazienti sono stati spostati per qualche ora per far arieggiare il reparto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, 5.094 casi in Piemonte: il trend si stabilizza, cauto ottimismo dall'ospedale Maggiore

  • Coronavirus: in Piemonte rimandati bollo, assicurazione, revisione e scadenza dei documenti

  • Coronavirus: in Piemonte oltre 5700 casi positivi, 5 nuovi decessi a Novara

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

Torna su
NovaraToday è in caricamento