Timbrava e poi andava a fare la spesa, condannata a Novara furbetta del cartellino

Per la donna, dipendente dell'Uepe di Novara, è arrivata una condanna a 8 mesi e 450 euro di multa per truffa ai danni dello Stato

Secondo le accuse la donna timbrava e poi usciva dal lavoro

Tutto è partito dalla denuncia di alcuni colleghi, che la vedevano timbrare il cartellino e poi uscire a fare la spesa.

Così un 63enne di Trecate è finita alla sbarra per truffa ai danni dello Stato. La donna, dipendente dell’ufficio esecuzione penale esterna del Ministero della Giustizia, secondo i colleghi quasi tutte le mattine usciva dal lavoro e tornava mezzora dopo con le buste della spesa. L'impiegata però ha sempre respinto le accuse, sostenendo che le uscite fossero autorizzate e che avvenissire in pausa caffè. Per lei è scattata una condanna a 8 mesi di carcere e 450 euro di multa, pena sospesa. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Novara, chiuso il cavalcavia Porta Milano: cambiano i percorsi degli autobus

  • Cronaca

    Ancora bocconi avvelenati a Novara: cane intossicato in via Fossati

  • Verbano Cusio Ossola

    Bannio Anzino, 28enne in manette per stalking

  • Cronaca

    "Suo figlio ha avuto un incidente, servono soldi": in manette due truffatori

I più letti della settimana

  • Novara, cavalcavia Porta Milano chiuso improvvisamente per problemi strutturali

  • Celebrità vicina alla chiusura? "Non abbiamo intenzione di farlo" dicono i gestori

  • Morta la prof del liceo: alunni e colleghi la salutano nel cortile della scuola

  • Si allontana e cade in un laghetto a Soriso: grave in ospedale un bambino di cinque anni

  • Stroncato da un malore mentre fa jogging: sabato il funerale di Gabriele Coppa

  • Cosa fare in città: tutti gli eventi del fine settimana del 18 e 19 maggio

Torna su
NovaraToday è in caricamento