Timbrava il cartellino e poi usciva dall'ufficio per fare la spesa: "furbetta" a processo

Protagonista una 63enne di Trecate. L'accusa è di truffa ai danni dello Stato: per lei il pm ha chiesto una condanna a 5 mesi

In orario di ufficio usciva dal lavoro per andare a fare la spesa.

Questo è quello che sostiene il pm, che ha chiesto una condanna a 5 mesi e 200 euro di multa per una 63enne di Trecate dipendente del Uepe di Novara, l'Ufficio esecuzione penale esterna.

L'accusa è pesate: truffa ai danni dello Stato.

Secondo alcuni colleghi, che la avrebbero denunciata già da tempo, la donna usciva dal lavoro, per poi tornare dopo circa mezzora con le borse del supermercato.

Durante il processo l'imputata ha spiegato che si trattava di tempo sottratto alla pausa caffè, che la 63enne non faceva, a differenza dei colleghi. Sentenza a maggio. 

Potrebbe interessarti

  • Ospedale Maggiore, ostetricia e ginecologia al vertice della classifica regionale

  • Borgomanero, Mauro Porta nuovo primario di Ortopedia e Traumatologia

  • Come pulire ed igienizzare i bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Piscine a Novara: tutte le tariffe e gli orari dell'estate 2019

  • Verbania: la avvisano della morte del padre, si sente male e muore anche lei

  • Ritrovato a Galliate il geometra scomparso da lunedì: sta bene

  • Incidente in autostrada, schianto fra tre auto: sette feriti, in coma una bambina di 5 anni

  • Incidente a Novara: si ribalta in pieno centro a Pernate

  • Borgomanero, azienda evade oltre un milione di euro: scoperti anche 15 lavoratori in nero

Torna su
NovaraToday è in caricamento