Alternanza scuola-lavoro: accordo tra Università e Ufficio scolastico regionale

Primi in Piemonte, i due Enti mettono in atto quanto richiesto dalla legge sulla Buona Scuola. Solo nel Piemonte orientale oltre 500 studenti coinvolti e 61 progetti targati Upo

Il rettore dell'Università del Piemonte Orientale Cesare Emanuel

Il primo ateneo piemontese ad attuare quanto richiesto in ambito di alternanza Scuola-Lavoro dalla Legge n. 107 del 13 luglio 2015 - ribattezzata dai media La Buona Scuola - sarà l’Università del Piemonte Orientale.

Questa mattina, infatti, presso il Rettorato, è stato siglato il protocollo d’intesa tra Università del Piemonte Orientale e Ufficio scolastico regionale per il Piemonte per la realizzazione di attività di alternanza scuola-lavoro.

L’obiettivo della Legge è quello di modificare radicalmente il sistema educativo nazionale, guidando gli studenti delle scuole secondarie a svolgere attività formative presso istituzioni pubbliche e aziende private in ambiti assai diversi tra loro ma aventi tutti l’obiettivo comune di fornire competenze e far divenire gli studenti cittadini più consapevoli. Una volta a regime, la norma prevede 400 ore di alternanza nel triennio finale per gli studenti degli istituti tecnici e 200 per quelli dei licei.

Le caratteristiche di questa collaborazione sono state evidenziate in conferenza stampa dal rettore dell’Upo Cesare Emanuel, dal suo delegato per l’Alternanza Sandra D’Alfonso, dal direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale Fabrizio Manca e dal direttore dell’Ufficio scolastico territoriale di Torino e Vercelli Antonio Catania. Le proposte dell’Upo sono state illustrate dalle dottoresse Emma Altomare e Nadia Piloni dei Settore Didattica e Servizi agli Studenti.

L’Upo mette in campo le competenze di tutti i Dipartimenti e del proprio staff amministrativo attraverso un catalogo di 61 attività formative, incrementabili in futuro, che negli anni accademici 2015-16 e 2016-17 coinvolgeranno 566 studenti delle province di Alessandria, Novara e Vercelli. Il catalogo completo sarà disponibile e consultabile on-line grazie alla piattaforma Moodle.

"L’Università - ha commentato il rettore Emanuel - è un prodotto sociale, frutto della collaborazione di tutti, e la firma di questo protocollo sancisce un passo importante nel solco del nostro coinvolgimento nella crescita di un intero territorio. Crediamo che la filiera dell’educazione debba beneficiare di collaborazioni di questo tipo, che arricchiscono culturalmente i nostri giovani avvicinandoli con gradualità ed efficacia al mondo del lavoro e della società civile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La ricchezza della Legge 107 - ha sottolineato il direttore generale Manca - sta nel cambiamento radicale del sistema formativo italiano. In Piemonte, nel 2015-16, sono coinvolti complessivamente 34mila studenti delle classi terze, ma a regime gli studenti impegnati saranno 100mila. Quella con Upo è una collaborazione di altissima qualità per avvicinare gli studenti al mondo del lavoro, sia in ambito pubblico sia privato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Incidente a Novara, auto si schianta contro un dehors in via Pontida

  • Incidente a Paruzzaro: schianto tra auto e camion, un ferito grave

  • Coronavirus, pronta una nuova ordinanza in Piemonte: niente più distanziamento sociale sui mezzi pubblici

  • Incidente mortale a Omegna: giovane perde la vita nello schianto tra un'auto e una moto

  • Batterio pericoloso: ritirato lotto di salmone prodotto a Borgolavezzaro

Torna su
NovaraToday è in caricamento