Rete idrica contaminata, in distribuzione 10mila litri di acqua potabile

Nella zona sud della città la rete idrica è stata inquinata da lavori realizzati da privati sulla rete fognaria. Acqua Novara e Vco sta provvedendo a distribuire sacchetti d'acqua a chi ne farà richiesta

Da sabato 4 giugno nella zona sud della città non si può utilizzare l'acqua potabile. In via Massara, via Vanvitelli, via Bernini e via Borsellino e Falcone, infatti, la rete idrica è stata contaminata da lavori privati eseguiti senza autorizzazione da parte di Acqua Novara.Vco. Numerose le persone che hanno accusato i sintomi: lieve malore, vomito e diarrea. 

La contaminazione è stata rilevata nella giornata di venerdì 3 giugno. I tecnici dell'azienda sono intervenuti immediatamente per spurgare e immettere cloro, al fine di disinfettare l'acquedotto. Probabilmente ci vorrà ancora qualche giorno perchè tutto torni alla normalità.

Nel frattempo però, con il supporto del comune di Novara e della Protezione Civile, Acqua Novara.VCO ha attivato un servizio distribuzione di sacchetti di acqua potabile in grado di fornire oltre 10mila litri al giorno a chiunque ne faccia richiesta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre, in stretta collaborazione con l’Asl di Novara si stanno monitorando con continuità i parametri di rete al fine di poter aggiornare tempestivamente la popolazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Piemonte mascherine obbligatorie per gli addetti alla vendita e raccomandate per chi fa la spesa

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

  • Coronavirus: mascherine in distribuzione gratis a Novara, ma non in tutta la città

  • Coronavirus, diffusa su internet una falsa ordinanza: la denuncia della Regione

Torna su
NovaraToday è in caricamento