La centralina Internet è vecchia: la connessione è un lusso di pochi

Internet è il più diffuso mezzo di comunicazione e di lavoro per tante persone e quando non va è disagio per molti, specie per i libero professionisti. A Casalino, comune della Bassa Novarese, la piattaforma internet è instabile da diversi mesi

"E' da più di sei mesi che abbiamo la connessione lenta", "Riusciamo ad entrare in internet 15 giorni al mese", "Ci connettiamo molto lentamente ma alcuni programmi, indispensabili per la comunicazione e la diffusione del nostro lavoro, non funzionano". Sono queste le problematiche di diversi cittadini che stanchi del singhiozzo della loro linea internet hanno deciso di dare voce alla loro lamentele.

"Ho speso diverse mattinate, a discapito del mio lavoro, e non pochi soldi pensando che il problema fosse attribuibile a modem mal funzionanti che mi venivano venduti, al telefono con il mio gestore di telefonia fissa, senza risolvere alcunchè. Diverse - racconta un nostro lettore - le cause imputabili, secondo gli operatori, a questa linea ballerina: poca rete, connettività bassa nelle zone di campagna, e poi il cattivo tempo delle scorse settimane, ci ha messo del suo. Ma cattivo tempo a parte questo della linea internet scarsa per noi è un problema costante. Dopo infinite telefonate e richieste di parlare con un capo della azienda, si scopre, quasi magicamente che la centralina è una sola e deve supportare diverse utenze. Risultato? Alcuni rimangono bloccati per giorni".

La situazione non migliora con i gestori di telefonia cosiddetti low cost: la rete c'è ed è già meno potente di quello che si può garantire (che non sono mai per esempio i 7mega paventati, ndr). Dalla compagnia fanno sapere che le linee non sono del tutto autonome e quindi in caso di intasamento si servono della linea madre, che è quella fornita dalla più nota compagnia telefonica in Italia, che se è intasata a sua volta, è un gatto che si morde la coda.

"Le giustificazioni degli operatori sono, per carità, valide ma nel 2013 un discorso del genere non può reggere" - dicono alcuni cittadini. "In un epoca - continuano i lettori - dove si parla di banda larga  anche in un piccolo paese deve essere garantita l'Adsl. Oramai in quasi tutte le categorie professionali c'è bisogno di poter utilizzare la linea internet: anche in banca e in posta le operazioni - chiariscono - si servono della connessione e posso assicurare che anche in queste sedi ci sono giorni in cui viviamo seri problemi con le più banali operazioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non va meglio - raccontano altri cittadini esasperati dalla situazione - la connessione attraverso le famose chiavette Usb: i gestori sono i medesimi e le linee alle quali si connettono sono altrettanto le medesime. All'inizio - spiega uno dei cittadini colpiti da questo disagio - mi sembrava che averne una in casa avesse potuto essere una soluzione di emergenza ma di fatto non lo è. E' una situazione insopportabile in un'era dove la tecnologia la fa da padrona".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Piemonte mascherine obbligatorie per gli addetti alla vendita e raccomandate per chi fa la spesa

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

  • Coronavirus: mascherine in distribuzione gratis a Novara, ma non in tutta la città

  • Coronavirus, diffusa su internet una falsa ordinanza: la denuncia della Regione

Torna su
NovaraToday è in caricamento