Emergenza incendi in Piemonte: dichiarato lo stato di massima allerta

Vietato accendere fuochi in zone vicine ai boschi

Torna l’emergenza incendi in Piemonte. Complici le condizioni atmosferiche che da ieri hanno visto il territorio piemontese colpito da una serie di roghi, particolarmente attivi nel torinese.

Dalle prime segnalazioni e verifiche degli incendi in atto, il Sistema antincendi boschivi della Regione Piemonte (volontari Aib e Vigili del fuoco) si è attivato con interventi a San Carlo Canavese, Val della Torre, Bollengo, Bairo e Givoletto, nel Torinese; a Viarigi nell'Astigiano; a Paesana e Bagnolo Piemonte nel Cuneese; a Cremolino nell'Alessandrino; a Mottalciata in provincia di Biella.

Da ieri continua a essere attivo il fronte di Givoletto e Val della Torre. Dalle 8.30 di questa mattina stanno operando due elicotteri regionali e uno del Centro operativo aereo unificato (COAU). I sindaci dei due Comuni hanno aperto i rispettivi Centri operativi comunali (Coc). Per facilitare gli interventi di spegnimento è stata chiesta l'interruzione della linea elettrica ad alta tensione, pur assicurando la fornitura di energia nella zona. Al momento sono all’opera sul luogo 25 vigili del fuoco, 35 Aib e una squadra di droni per le valutazioni dell’estensione dell’incendio.

Il provvedimento prevede, che, entro una distanza di cento metri dai terreni boscati, arbustivi e pascolivi, siano vietate le azioni che possono determinare anche solo potenzialmente l’innesco di incendio, quali: accendere fuochi, accendere fuochi pirotecnici, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare apparati o apparecchiature che producano faville o brace, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale e combustibile, accendere lanterne volanti, o compiere ogni altra azione operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio. La legge regionale 15/2018 stabilisce anche che su tutto il territorio regionale è vietato l'abbruciamento all'aperto derivante da attività agricole nel periodo compreso tra il 1° novembre e il 31 marzo di ogni anno.

Potrebbe interessarti

  • Quando e perchè cambiare le lenzuola

  • A Novara la prima procedura di radioterapia intra-operatoria

  • 5 rimedi naturali per allontanare le formiche da casa

  • Novara, nuovi trattamenti endoscopici mini-invasivi per l'obesità al Maggiore

I più letti della settimana

  • Bogogno, schianto fra auto e moto: gravissimo il centauro

  • Novara, rissa in pieno centro fra un gruppo di ragazzi

  • Verbania, 46enne ferito al collo per strada: è gravissimo

  • Cannobio, si trancia un dito mentre sta lavorando al supermercato

  • Druogno, incidente mortale: vittima un pensionato investito da un'auto

  • Novara, entra in un negozio del centro ed esce senza pagare: bloccato dalla titolare

Torna su
NovaraToday è in caricamento