Terremoto in Centro Italia: l'Anpas di San Maurizio ad Amatrice

Tre i volontari partiti alla volta della provincia di Rieti: Cristina Vellano, Silvana Romagnoli e Stefano Zampiero resteranno ad Amatrice fino al 1° di ottobre

Anche l'Anpas di San Maurizio d'Opaglio in campo per soccorrere le popolazioni terremotate. E' infatti partito ieri sera, venerdì 23 settembre, il VI contingente diretto ad Amatrice per dar seguito al 'Codice rosso' pervenuto nella sede dell'associazione per l’emergenza sisma in Centro Italia.

Tre i volontari partiti alla volta della provincia di Rieti: Cristina Vellano, Silvana Romagnoli e Stefano Zampiero, che insieme a due volontari di Nebbiuno hanno raggiunto Amatrice e vi resteranno fino al 1° di ottobre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un ringraziamento particolare alle aziende Rinaldi e Pettinaroli di Gozzano e la Giacomini di San Maurizio d’Opaglio - commentano dall'Anpas di San Maurizio - che hanno fornito materiale tecnico per l’intervento. Insieme al supporto umano, tecnico e logistico, i volontari porteranno, grazie al ruolo ponte di Anpas Torino, ben 100 chili di cioccolato che l’azienda torinese ‘Le delizie’ ha voluto donare alle popolazioni colpite dal terremoto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: dal 10 luglio niente più distanziamento su treni e bus

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Incidente in tangenziale a Novara: motociclista finisce contro il guard rail

  • Cosa fare in città: gli eventi del fine settimana del 4 e 5 luglio

  • Cade dal tetto, 50enne ferito gravemente

Torna su
NovaraToday è in caricamento