Ad Arona arriva l'arco di Palmira distrutto dall'Isis

Inaugurata sabato sera in piazza San Graziano la riproduzione dell'arco distrutto nel 2015 in Siria

L'arco esposto in piazza San Graziano ad Arona

Dopo Londra, New York, Dubai e Firenze l'arco di Palmira arriva ad Arona.

É stata inaugurata sabato 29 aprile la riproduzione in scala del monumento, simbolo del sito archeologico siriano che è stato distrutto nel 2015 dall'Isis. L'arco rimarrà in piazza San Graziano per tre mesi, proprio di fronte al museo archeologico aronese intitolato alla memoria di Kaled Al Asaad, l'archeologo che per anni ha curato il sito di Palmira e che proprio nel sito che tanto amava è stato ucciso dai miliziani dello stato islamico. La ricostruzione, alta 5 metri, è stata ideata dall'Institute for Digital Archaeology di Oxford e realizzata da un'azienda di Carrara. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inaugurazione, a cui hanno partecipato anche due figli di Kaled Al Asaad, è stata accompagnata dallo spettacolo di luci ideato dallo scenografo Sebastiano Romano, che sarà riproposto tutte le sere fino a luglio a intervalli a partire dalle 21, e da un'esibizione della Nuova Filarmonica Aronese e della cantautrice Matilde Mirotti con il maestro Paolo Beretta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento