Bimbo morto a Sant’Agabio, indagati la madre del piccolo e il compagno

Sul corpo del piccolo sarebbero stati trovati lividi sospetti

La polizia ha acquisito i referti medici (foto di repertorio)

Ci sarebbero due indagati per la morte del piccolo Leonardo Deini Russo, di soli 20 mesi, deceduto intorno alle 11 di giovedì 23 maggio nella sua casa di Novara: sono la madre e il compagno della donna.

I risultati dell'autopsia

La tragedia e la corsa in ospedale

Il bimbo si trovava in casa con la madre, Gaia, e il compagno di lei nel loro appartamento di corso Trieste, quando è scattato l’allarme. I soccorritori del 118 hanno tentato invano di rianimare il piccolo e lo hanno caricato sull’ambulanza per portarlo all’ospedale Maggiore, dove però è arrivato privo di vita.

Sarebbero stati proprio i sanitari a chiamare le forze dell’ordine perché sul corpo del bimbo ci sarebbero stati ematomi sospetti.

Il video del fermo della madre e del compagno

Le indagini sulla morte del piccolo 

Da subito gli agenti delle questura di Novara hanno avviato le indagini, per capire se il bimbo fosse davvero caduto dal lettino, come affermano la madre e il compagno, o se ci sia dell’altro. Tutti i referti medici sono stati acquisiti come prove e saranno valutati.  

AGGIORNAMENTO

La procura è certa che si tratti di omicidio. Fermati la madre e il compagno

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento