Borgomanero, 2015 positivo e importante per la protezione civile

Tempo di bilanci per la protezione civile borgomanerese, che nell'anno appena concluso ha visto l'attivazione del Centro operativo intercomunale

"Il 2015 è stato un anno importante per la nostra protezione civile: è diventato esecutivo il Centro operativo intercomunale (Coi, ndr)".

Così il vice sindaco del Comune di Borgomanero Sergio Bossi commenta l'anno appena trascorso della protezione civile borgomanerese. Il Centro, dopo l’approvazione della convenzione da parte dei Consigli comunali, ha sede in via Gozzano a Borgomanero, nella struttura del Cantiere Comunale. E’ composto dai Comuni di Boca, Borgomanero, Cavallirio, Cureggio, Fontaneto d’Agogna, Gattico, Grignasco, Maggiora, Prato Sesia e Romagnano Sesia.

Con il Coi è stato anche realizzato il piano di protezione intercomunale, documento essenziale per delineare i rischi del territorio e le modalità organizzative e di intervento della Protezione Civile.

"Parallelamente - ha aggiunto il vice sindaco - abbiamo avviato una sperimentazione Coi-Csi Piemonte che si è concretizzata con la realizzazione della cartografia dei Comuni con i dati tematici fondamentali per la gestione delle emergenze di Protezione Civile; una banca dati che ci permette di individuare e georeferenziare le aree a rischio".

Nel 2015 l’attività della protezione civile ha visto l’attività di formazione ed informazione attraverso specifici corsi, incontri con le scuole e la cittadinanza. A questo va aggiunto l’attività di monitoraggio del territorio e delle sue aree a rischio e l’attività di prevenzione e mitigazione dei rischi, in collaborazione con gli operai del cantiere comunale e il Gruppo Alpini, che ha visto la messa in sicurezza di alcuni tratti dei corsi d’acqua coinvolti nelle alluvioni del 2014, come il Rio Geola in regione Meda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A novembre - ha concluso Bossi - abbiamo partecipato, in collaborazione con il Coordinamento provinciale delle organizzazioni di volontariato di protezione civile e il comando dell’aeroporto di Cameri, ad una esercitazione all’interno dell’aeroporto stesso. Intendo ringraziare tutti coloro che si sono impegnati e si impegnano in questo campo per garantire la sicurezza del nostro territorio".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 5.094 casi in Piemonte: il trend si stabilizza, cauto ottimismo dall'ospedale Maggiore

  • Coronavirus: in Piemonte rimandati bollo, assicurazione, revisione e scadenza dei documenti

  • Coronavirus, dopo l'ordinanza della Regione l'annuncio di Conte: chiusa ogni attività produttiva non necessaria

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus: in Piemonte oltre 5700 casi positivi, 5 nuovi decessi a Novara

  • Coronavirus: a Novara è morto il prof. Eugenio Inglese, storico medico del Maggiore

Torna su
NovaraToday è in caricamento