Borgomanero, commerciante evade il fisco per oltre 500mila euro

L'imprenditore fingeva di essere un produttore agricolo per avere agevolazioni

Aveva dichiarato di essere un imprenditore agricolo con pochi terreni, ma in realtà vendeva enormi quantità di prodotti che acquistava da terzi, truffando così il Fisco.

La guardia di finanza di Borgomanero ha scoperto che l'uomo, grazie alla qualifica di imprenditore agricolo, aveva omesso di dichiarare 525mila euro in quattro anni. L'uomo è infatti proprietario di terreni coltivati per meno di un ettaro e dichiarava quindi solo il reddito relativo a quei terreni coltivati. Quello che ha insospettito i finanzieri però è stato l’enorme quantitativo di prodotti venduti dall'imprenditore a fronte di pochi terreni coltivati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono così iniziate le indagini grazie alle quali le fiamme gialle hanno scoperto che i prodotti agricoli che l'uomo vendeva venivano acquistati da grossisti e poi rivenduti ai privati e che non ci si trovava quindi dinanzi ad un produttore agricolo, ma ad un vero e proprio imprenditore commerciale. Gli importi evasi sono stati quindi segnalati all’Agenzia delle Entrate per il recupero a tassazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, dal 3 giugno niente più mascherina obbligatoria all'aperto in Piemonte

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Novara, c'è la data ufficiale di apertura del supermercato Aldi in corso della Vittoria

  • Elettrocardiogrammi: dal 3 giugno necessaria la prenotazione per effettuare l'esame

  • Coronavirus, +57 positivi in Piemonte: stabile la situazione a Novara, ma c'è un decesso

Torna su
NovaraToday è in caricamento