Borgomanero: intervento della protezione civile sul Rio Geola

Bossi: "E' un normale intervento di routine, che rientra nel programma di prevenzione attuato dal Comune"

Il gruppo Alpini di protezione civile con il vice Sindaco Bossi

Il tratto del Rio Geola che da via Meda si dirama sino a via Quintino Sella è stato oggetto oggi di una accurata pulizia da parte del gruppo Alpini di protezione civile (coordinato da Giovanni Bovio), in collaborazione con il Comune di Borgomanero.

Come già in passato per altri corsi d’acqua, il gruppo Alpini è intervenuto per rimuovere tronchi d’albero, togliere sterpaglie, rami e rifiuti che possono ostruire, in caso di piogge abbondanti, il regolare deflusso delle acque.

"E’ un normale  intervento di routine - ha commentato il vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici Sergio Bossi, che ha seguito i lavori - che rientra nel programma di prevenzione attuato dal Comune; grazie anche all’aiuto dei volontari della protezione civile, in questo frangente il gruppo Alpini di Borgomanero, cerchiamo salvaguardare il territorio da eventuali e possibili allagamenti dovuti, ad abbondanti ed intense piogge".

"Un ringraziamento al gruppo Alpini - ha concluso il vice Sindaco Bossi - che da anni interviene sul territorio in via preventiva, con grande e costante impegno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, Cirio: "Ordinanza in Piemonte prorogata fino al 14 o al 20 aprile"

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

Torna su
NovaraToday è in caricamento