Sebastiano Vassalli, l'Internazionale e il Padre Nostro

Lo scrittore ha raccontato che cosa avrebbe voluto per il "dopo" in un libro-intervista alcuni anni fa

Inizierà tra pochi minuti, al Broletto, la cerimonia funebre di Sebastiano Vassalli. Oggi, per tutto il giorno, decine e decine di persone si sono recate alla camera ardente, nel palazzo della Biblioteca Civica Negroni, per rendere omaggio allo scrittore leggendo brani tratti dal suo celeberrimo romanzo "La Chimera". Amici, colleghi, conoscenti, ex studenti, autorità o anche solo amanti della letteratura si sono susseguiti al leggìo per rendere omaggio ad uno dei maggiori scrittori italiani.

Sebastiano Vassalli, in un libro-intervista realizzato con Giovanni Tesio nel 2010, edito da Interlinea, ha spiegato cosa avrebbe voluto per la sua cerimonia funebre.

"Niente di troppo impegnativo o di troppo importante. Soltanto qualche raccomandazione per il "dopo". Quando ci si sarà accertati ben bene che io sia morto (non facciamo scherzi!), voglio essere bruciato. Restare lì a marcire cosa serve? E voglio un funerale civile e laico, senza preti e senza discorsi. Da morto non mi importerà più di niente, ma ora che sono ancora in vita mi piacerebbe che si facessero due cose. La prima è che si suoni l'Internazionale. Non pretendo una banda: mi basta una fisarmonica. La seconda è che qualcuno tra i presenti (non un prete!) reciti ad alta voce il Padre Nostro come è scritto nel Vangelo di Matteo (6, 9).

Anche se non credo nella religione del lavoro e meno ancora nella religione dei preti, queste sono le coordinate della mia vita. Io sono vissuto lì, nel punto dove si intersecano i due sogni che accompagnano e guidano, da sempre, le vicende umane. Il sogno di giustizia rappresentato dall'Internazionale. Il sogno d'amore rappresentato dal dialogo con il padre. (Con un padre). Senza quei due sogni, secondo ciò che ne ne scrive Gòngora, l'uomo è "terra, polvere, fumo, ombra, nulla". Con quei due sogni è un nulla che ha sognato. Io sono un nulla che ha sognato molto: un nulla pieno di storie..."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da "Un nulla pieno di storie. Ricordi e considerazioni di un viaggiatore nel tempo", di Sebastiano Vassalli e Giovanni Tesio, Ed. Interlinea, 2010 Novara

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 5.094 casi in Piemonte: il trend si stabilizza, cauto ottimismo dall'ospedale Maggiore

  • Coronavirus: in Piemonte rimandati bollo, assicurazione, revisione e scadenza dei documenti

  • Coronavirus, dopo l'ordinanza della Regione l'annuncio di Conte: chiusa ogni attività produttiva non necessaria

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus: in Piemonte oltre 5700 casi positivi, 5 nuovi decessi a Novara

  • Coronavirus: a Novara è morto il prof. Eugenio Inglese, storico medico del Maggiore

Torna su
NovaraToday è in caricamento