Don Gianmario Lanfranchini lascia la parrocchia di San Martino

Da lunedì 22 aprile don Gianmario sarà il nuovo parroco di Omegna. Domenica 21 il saluto ufficiale durante la Messa delle 10. Dell'oratorio di San Martino se ne occuperà, pro tempore, don Alberto Agnesina

Ha creato stupore ed un grande dispiacere la notizia del trasferimento di don Gianmario Lanfranchini, coadiutore della parrocchia dei Santi Martino e Gaudenzio in Novara, decisa dal Vescovo Monsignor Giulio Brambilla.

Don Gianmario, per tutti Jimmy, è nato il 7 agosto del 1970, ha frequentato il liceo classico del seminario San Gaudenzio di Novara e successivamente si è laureato in filosofia teoretica ed antropologia alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. Dopo il bacellierato in Teologia a Milano, il 6 settembre del 1997 è stato ordinato sacerdote ed il 27 settembre dello stesso anno è diventato coadiutore di San Martino.

Per 15 anni e 8 mesi il sacerdote, originario di Zuccaro di Borgosesia, è stato il punto di riferimento per moltissimi giovani sanmartinesi e per le loro famiglie. Ora lo aspetta una nuova avventura in una parrocchia sconvolta dagli ultimi durissimi fatti di cronaca riguardanti don Marco Rasia.

Confido nella fraternità e collaborazione di una comunità che mi accoglie in giorni non facili, ma non per questo la grazia del Signore potrà compiere il miracolo della conversione e la testimonianza buona della carità del Vangelo – queste le parole di don Lanfranchini – sono sereno, sarò un uomo, un cristiano, un prete per la gente”.

“In questi giorni mi sto affidando alla preghiera e rileggo nel ministero sacerdotale l’immagine di Gesù cercata dalla gente – continua don Gianmario - il prete da solo è niente o molto poco, solo se è in mezzo alla gente sapendo dire tutto con il noi da l’immagine della Chiesa”.

“L’ultima cosa che farò a San Martino sarà anche la prima appena arrivato ad Omegna – spiega il sacerdote – radunerò i fedeli ed andremo in chiesa a pregare in silenzio davanti all’eucarestia”.

Domenica 21 aprile, durante la Santa Messa delle 10, don Gianmario saluterà la comunità ed al termine della celebrazione in oratorio si svolgerà un semplice rinfresco prima della partenza, per chi lo desidera, per il pellegrinaggio al Sacro Monte di Varallo.

Il giorno seguente lascerà Novara per andare a conoscere la sua nuova famiglia, ma sabato 27 aprile sarà di nuovo in città per una serata-saluto a sorpresa organizzata dai giovani dell’oratorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al suo posto arriverà don Alberto Agnesina, presenza sacerdotale per l’estate 2013 che nello specifico organizzerà il grest ed i campi scuola, ma a fine estate il Vescovo Brambilla nominerà il nuovo responsabile della parrocchia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento