Domodossola, cerca di portare in Italia 130mila euro in contanti senza dichiararli

L'uomo, un cittadino cinese, è stato fermato dalla guardia di finanza su un treno diretto a Venezia

Repertorio

É apparso nervoso, troppo nervoso, quando gli hanno chiesto se avesse qualcosa da dichiarare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così i militari della guardia di finanza di Domodossola si sono accorti che l'uomo, un 28enne cittadino cinese che viaggiava su un treno partito da Parigi e diretto a Venezia, qualcosa da dichiarare probabilmente lo aveva. Le fiamme gialle, dopo le domande di rito, hanno trovato nascosti in un giornale ben 130mila euro in banconote da 50, 20 e 10 euro. La legge stabilisce che tutte le cifre in contanti superiori a 10mila euro debbano essere dichiarate alla dogana: per questo, secondo la normativa, la finanza ha provveduto al sequestro della metà della somma eccedente, quini di 60mila euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, Cirio: "Ordinanza in Piemonte prorogata fino al 14 o al 20 aprile"

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

Torna su
NovaraToday è in caricamento