Domodossola, cerca di portare in Italia 130mila euro in contanti senza dichiararli

L'uomo, un cittadino cinese, è stato fermato dalla guardia di finanza su un treno diretto a Venezia

Repertorio

É apparso nervoso, troppo nervoso, quando gli hanno chiesto se avesse qualcosa da dichiarare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così i militari della guardia di finanza di Domodossola si sono accorti che l'uomo, un 28enne cittadino cinese che viaggiava su un treno partito da Parigi e diretto a Venezia, qualcosa da dichiarare probabilmente lo aveva. Le fiamme gialle, dopo le domande di rito, hanno trovato nascosti in un giornale ben 130mila euro in banconote da 50, 20 e 10 euro. La legge stabilisce che tutte le cifre in contanti superiori a 10mila euro debbano essere dichiarate alla dogana: per questo, secondo la normativa, la finanza ha provveduto al sequestro della metà della somma eccedente, quini di 60mila euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verbania, pestano selvaggiamente due commercianti che li hanno rimproverati: arrestati tre giovani

  • Auto si ribalta sui binari ad un passaggio a livello nel novarese: sfiorato l'incidente ferroviario

  • Incidente frontale a Borgo Vercelli: schianto sulla rampa dell'autostrada, morta una donna

  • Coronavirus, arriva il 12 luglio a Novara il laboratorio mobile per i test sierologici

  • Novara, i carabinieri fanno irruzione in un appartamento e trovano decine di oggetti rubati

  • La piscina comunale di Trecate riapre: gli orari e i prezzi

Torna su
NovaraToday è in caricamento