Novara: con "Territorio e Cultura", verso la chiusura del progetto "SpeDD"

Lunedì 14 gennaio, un incontro a Palazzo Cabrino per annunciare la data e il luogo dell'agorà deliberativa che, ad aprile, chiuderà la fase pilota del progetto attivo a Novara dalla primavera dello 2012

Si terrà lunedì 14 gennaio, alle ore 11 presso la sala del Consiglio comunale a Palazzo Cabrino, l'incontro tra il Comune di Novara e l’Associazione Territorio e Cultura Onlus per annunciare la data e il luogo dell’agorà deliberativa che, il prossimo aprile, chiuderà la fase pilota del progetto "SpeDD – Sperimentazione di percorsi di Democrazia Deliberativa".

L'iniziativa è attiva a Novara dalla primavera 2012, ed è stata presentata alla città lo scorso settembre durante il convegno dedicato a "Nuove forme di democrazia per la coesione sociale e territoriale".

L'appuntamento sarà anche occasione per comunicare l’avvio della fase di campionamento dei partecipanti all’agorà deliberativa: cento persone rappresentative della cittadinanza novarese, che verranno selezionate, nel periodo compreso tra il 14 gennaio e il 14 marzo marzo, con metodo a scelta ragionata sulla base delle variabili socio-demografiche più significative.

Oltre al sindaco Andrea Ballaré, al presidente e alla vicepresidente di Territorio e Cultura, Alberto Cantoni e Franca Franzoni, saranno presenti Francesco Paolo Castaldo, prefetto di Novara, Mariella Enoc, vicepresidente della Fondazione Cariplo (ente finanziatore del progetto) ed Eliana Baici, direttore del Dipartimento per l’economia e l’impresa dell’Università del Piemonte orientale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta dopo un intervento alla clinica San Gaudenzio, sarà eseguita l’autopsia

  • Fontaneto D'Agogna, muore stroncato da un infarto mentre fa jogging

  • I 5 migliori ristoranti sul Lago d'Orta

  • Scomparsa 17enne di Novara: appello a "Chi l'ha visto?" per Evelyn

  • Blocco del traffico a Novara, facciamo chiarezza: chi può circolare e chi no

  • Come eliminare il calcare dal box doccia, sanitari, rubinetti e wc

Torna su
NovaraToday è in caricamento