Crollo in via Biroli: 13 le famiglie evacuate

Per oggi potranno mangiare alle Piccole Volte e passare la notte all'Hotel Parmigiano. Insieme ad Atc, sono stati già individuati alloggi disponibili per le eventuali assegnazioni di emergenza

Sono 13 le famiglie residenti evacuate dopo il crollo di questa mattina in via Biroli, dove alcuni balconi sono precipitati nel cortile interno di una palazzina di sette piani al civico 1/B.

Sul luogo sono intervenuti, tra gli altri, i vigili del fuoco, impegnati a verificare le cause del crollo e l’eventuale agibilità di tutti gli appartamenti.

Il sindaco Alessandro Canelli, l'assessore alle Politiche sociali Emilio Iodice e il dirigente del servizio Marco Brusati si sono recati subito sul posto per constatare l’accaduto e per dare le prime risposte alle emergenze delle famiglie residenti al momento evacuate.

Da una prima verifica, e dato il periodo ancora feriale, sembra che non tutte le famiglie residenti nel palazzo si trovino a Novara. Gli uffici cercheranno di informare chi fosse ancora fuori città, attraverso i numeri di cellulare disponibili. 

Per la giornata di oggi, tutte le famiglie evacuate potranno mangiare alle Piccole Volte e passare la notte all’Hotel Parmigiano. Insieme ad Atc, inoltre, sono stati già individuati alloggi disponibili per le eventuali assegnazioni di emergenza. 

Per qualsiasi informazione circa le emergenze, gli inquilini possono chiamare il numero dell’Ufficio Casa: 0321.3702487.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borgolavezzaro, 49enne trovato morto in casa: ipotesi suicidio

  • Bellinzago, trovata morta in casa da oltre dieci giorni: 20 cani senza cibo e cure

  • Incidente a Novara, schianto alla rotonda del Cim: auto finisce contro un palo

  • Novara, intossicata dal monossido di carbonio in casa: salvata grazie al rilevatore portatile dei soccorritori

  • Villadossola, cade in un canale in bicicletta e muore

  • Marano Ticino, aggrediti da un cane in strada: il padrone scappa senza prestare aiuto

Torna su
NovaraToday è in caricamento