Dramma di Vespolate, ricoverato in psichiatria il padre che ha ucciso il figlio disabile

L'uomo è in stato di choc. La tragedia lunedì sera, l'uomo ha tentato il suicidio dopo aver soffocato il ragazzo

Il palazzo in cui è avvenuta la tragedia

Si trova in ospedale e non parla Pietro Spina, l'uomo che lunedì sera ha ucciso il proprio figlio disabile e ha tentato di togliersi la vita.

Il dramma si è consumato a Vespolate, tra le mura domestiche: il padre ha soffocato Andrea, 22 anni, autistico, per poi tentare di togliersi la vita con il gas. A dare l'allarme un parente, che era preoccupato non avendo notizie dei due. Pietro Spina è stato trasportato all'ospedale di Novara, mentre per il ragazzo non c'è stato nulla da fare.

Il giovane viveva in un centro specializzato e tornava in famiglia nel fine settimana. Pietro era caduto in depressione dopo la morte della moglie, avvenuta l'anno scorso per un tumore, ma nessuno aveva sospettato che potesse compiere un gesto così estremo

Il padre si trova ora ricoverato in stato di choc in psichiatria. Per lui l'accusa è di omicidio volontario.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Auto guasta in A26, soccorso dalla polizia finisce nei guai per possesso di droga

  • Incidenti stradali

    Incidente in tangenziale a Novara: code e traffico in tilt

  • Verbano Cusio Ossola

    Piedimulera: litiga con una donna, la minaccia e l'aggredisce per strada

  • Verbano Cusio Ossola

    Verbania, 34enne sparito da giorni: appello a "Chi l'ha visto?"

I più letti della settimana

  • Bellinzago, 44enne trovato morto nella sua casa

  • Blocchi del traffico: l'ordinanza entra davvero in vigore, arrivano le prime multe

  • Nuovi autovelox in arrivo a Novara: ecco dove e quando

  • Trenord cerca personale, 200 posti di lavoro disponibili: come candidarsi

  • Novara, entra in casa della ex con un machete e cerca di uccidere lei e i familiari

  • Incidente a Borgomanero, pedone travolto da un'auto: è grave

Torna su
NovaraToday è in caricamento