Veveri, l'esplosione al ristorante indiano è stata dolosa

L'incendio che si è propagato dall'auto dei proprietari non è stato accidentale. I dettagli

I vigili del fuoco al lavoro per spegnere l'incendio

La forte esplosione e il successivo incendio che hanno interessato il ristorante pizzeria Namastè di via Verbano a Veveri nella notte tra venerdì e sabato non sono stati accidentali. 

Secondo i carabinieri che stanno svolgendo le indagini è possibile che l'incendio, da cui è poi scaturita la deflagrazione del serbatoio a gpl della Skoda Fabia dei proprietari parcheggiata in un garage sotto il locale nel cortile sul retro, non sia dovuto ad una fatalità. I militari per altro sono stati i primi a giungere sul posto, visto che una gazzella passava nella zona per caso, e hanno da subito sospettato che l'origine fosse dolosa: sembra che siano state viste delle persone in fuga poco prima del boato e sull'auto pare sia stato trovato del liquido infiammabile. Il ristorante oggi è regolarmente aperto, visto che l'intervento dei vigili del fuoco ha scongiurato che le fiamme si propagassero al locale, ma il cortile è stato posto sotto sequestro. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Novara, si sente male in banca e muore

  • Cronaca

    Novara, detenuti aggrediscono le guardie in carcere: feriti tre agenti

  • Cronaca

    Novara, trovato morto mummificato in casa da oltre un mese

  • Verbano Cusio Ossola

    Ossola, torna a casa e trova la moglie morta: avvelenata dal monossido di carabonio

I più letti della settimana

  • Blocchi del traffico: l'ordinanza entra davvero in vigore, arrivano le prime multe

  • Nuovi autovelox in arrivo a Novara: ecco dove e quando

  • Cosa fare in città: tutti gli eventi del week end e del ponte di San Gaudenzio

  • E' Gabriele Torno la vittima dell'incidente in montagna in Alto Adige

  • Novara, trovato morto mummificato in casa da oltre un mese

  • Incidente in montagna: escursionista novarese muore travolto da una valanga

Torna su
NovaraToday è in caricamento