Oropa, si finge prete e celebra messa nel santuario: a processo ex carabiniere

La vicenda risale a 4 anni fa. Ora l'uomo è accusato di sostituzione di persona

Il noto santuario di Oropa, nel biellese

"Buongiorno, sono don Diego e vorrei celebrare messa nella Basilica Antica". Devono essere state più o meno queste le parole con cui il 23 luglio del 2013 un biellese di 44 anni si è presentato al rettore del santuario di Oropa.

L'uomo ha detto di essere un cappellano militare in servizio nel battaglione dei carabinieri di Moncalieri e di tener molto a celebrare una messa all'interno del notissimo santuario. Durante la funzione religiosa però il rettore, don Michele Berchi, si è insospettito e ha deciso di chiamare i carabinieri per chiarire l'identità dell'uomo. Ne è venuto fuori che "don Diego" era un carabiniere sospeso dal servizio e soprattutto non era mai stato ordinato sacerdote.

Ieri, giovedì 6 luglio, si è aperto il processo al finto prete: è accusato di sostituzione di persona. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Novara, entra al supermercato con una pistola ad aria compressa

  • Cronaca

    Castelletto Ticino, spaccata al negozio di cellulari: rubati migliaia di euro in smartphone

  • Verbano Cusio Ossola

    Anziana in contromano in superstrada: fermata dopo un inseguimento

  • Incidenti stradali

    Incidente a Omegna, camper sbanda e abbatte i pali della luce

I più letti della settimana

  • Gozzano, 13enne colpito da una pallonata al petto va in arresto cardiaco: è gravissimo

  • Medico di Borgomanero brevetta gli occhiali che individuano i tumori al cavo orale

  • "Ti abbiamo ripreso mentre eri su un sito porno, dacci dei soldi o diffondiamo il video"

  • Assalto al Monopolio di Novara: sfondano l'ingresso con un tir e rubano migliaia di euro di sigarette

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Incidente a Novara: scontro fra moto e auto in viale Curtatone, ferito il centauro

Torna su
NovaraToday è in caricamento