Finto vino doc, in manette due novaresi: frode per 23 milioni di euro

L'indagine della procura di Asti ha portato all'arresto di tre persone in tutto

Associazione a delinquere internazionale a scopo di evasione fiscale, frode in commercio e riciclaggio: sono queste alcuni dei reati di cui sono accusate tre persone per la "frode del vino".

L'indagine, condotta dalla guardia di finanza di Venezia e coordinata dalla procura di Asti, ha portato a scoprire una frode che avrebbe fruttato oltre 23 milioni di euro. Gli arrestati, tra cui un 63enne di Invorio e una 52enne di Borgomanero, erano titolari di una cantina ad Alba insieme ad un 51enne di Alba. Per loro l'accusa principale è quella di aver venduto del vino comune spacciandolo per un prodotto di qualità doc e igt e di aver poi evaso al fisco milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ricetta della paniscia novarese

  • Incidente sul lavoro a Novara, si indaga per capire perchè sia caduto dal ponteggio l'operaio

  • Novara, giravano in auto per le vie della città controllando le case: nel bagagliaio trovati arnesi da scasso

  • Incidente a Castellazzo: perdono il controllo dell'auto e si ribaltano nel canale

  • Allarme al Fauser: scuola evacuata per un principio di incendio

  • Trecate, otto vigili su 14 chiedono di andarsene dal comando

Torna su
NovaraToday è in caricamento