Per quattro anni ha incassato la pensione della madre morta: "Avevo debiti"

Alla sbarra un rappresentante di Borgomanero, accusato di truffa. L'uomo ha detto di essersi trovato in condizioni economiche difficili e non ha comunicato l'errore

Un banale errore nella trasmissione del codice fiscale tra comune e Inps: è in questo modo che un 65enne di Borgomanero ha continuato ad incassare la pensione della madre morta.

Nel 2007 la donna era deceduta per cause naturali, ma uno sbaglio nel passaggio dei dati tra un ufficio e l'altro ha fatto sì che il figlio continuasse a riceve la pensione.

Inizialmente l'uomo pensava si trattasse di un conguaglio: dopo tre mesi però ha capito che quei 1.200 euro sul conto erano proprio la pensione della madre e non l'ha comunicato all'Inps.

In tribunale il 65enne si è dichiarato pentito e ha spiegato che all'epoca si trovava in gravi condizioni economiche e che per questo aveva tenuto i soldi.

Il pm ha chiesto per lui un anno, con la condizionale, e 1000 euro di multa. Il difensore invece l'assoluzione dal reato di truffa. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A piedi sulla A4 armato di un coltello, fugge nei campi alla vista della polizia: caccia all'uomo

  • Lo stadio di Novara set cinematografico per un giorno: si cercano comparse

  • Novara, rapina al punto Snai di via San Francesco: due feriti

  • Tragedia a Castelletto: muore investito dal camion della nettezza urbana

  • Operazione anti prostituzione: incarico temporaneamente sospeso per don Zeno, l'annuncio della diocesi

  • E' un rifugiato politico l'uomo che vagava a piedi con un coltello sulla A4: arrestato dopo 24 ore di ricerche

Torna su
NovaraToday è in caricamento