Incidente sul lavoro a Omegna: a uccidere l'operaio un infarto

A darne notizia è la Piemont Security, la ditta per cui lavorava Pasquale Santoro e che si occupava della pulizia dei locali. Dopo gli accertamenti il corpo dell'uomo è stato trasportato all'obitorio di Verbania

Ieri sera, martedì 12 giugno, Pasquale Santoro ha perso la vita mentre faceva il suo lavoro, presso lo stabilimento della Lagostina a Omegna.

Dalle indagini e gli esami sul corpo dell'uomo, 45 anni e residente a Verbania, sono emersi nuovi particolari. L'operaio sarebbe infatti morto per un infarto.

A darne notizia è la Piemont Security, ditta per cui Santoro lavorava e che si occupa della pulizia dei locali dello stabilimento.

"Santoro - si legge in una nota diffusa dall'azienda - aveva cominciato da poco a pulire con un aspirapolvere un macchinario spento e fermo e all'improvviso si è accasciato. Il collega che era con lui ha dato l'allarme e ha tentato di prestare i primi soccorsi, ma il decesso era stato immediato ed era stato provocato da un infarto al miocardio, come rilevato nel pomeriggio con accertamenti medico-legali".

Dopo i controlli da parte dei carabinieri, dello Spresal e del medico legale, il corpo dell'uomo è stato trasportato all'obitorio di Verbania.

Potrebbe interessarti

  • Nuovo ospedale di Novara, a rischio il progetto della Città della Salute

  • 5mila trapianti di rene eseguiti in Piemonte: l'ultimo a Novara

  • Città della salute, l'ordine dei medici: "Non ci interessano le beghe politiche, si dia il via libera"

I più letti della settimana

  • Motociclista novarese di 25 anni muore in un incidente in Calabria

  • Novara, le baby gang tengono in ostaggio la zona del Carrefour di viale Giulio Cesare

  • Giovane novarese scomparso in Spagna: l'appello della famiglia

  • Lite in casa tra due coinquilini: uno dei due lancia il cane dalla tromba delle scale

  • Cosa fare in città: gli appuntamenti del fine settimana di Ferragosto

  • Incidente a Trecate, frontale prima dell'alba sulla provinciale: le auto prendono fuoco

Torna su
NovaraToday è in caricamento