Incidente in corso della Vittoria, ciclista travolto alla rotonda dell'Esselunga

Un uomo è stato investito mentre era in sella alla sua bici. Traffico in tilt e code

Foto di repertorio

Un ciclista è stato travolto da un'auto alla rotonda tra corso della Vittoria, via Delle Americhe e via Pavesi.

L'uomo, in sella alla sua bici, è stato urtato da un'auto questa mattina, giovedì 19 aprile. Non si conosce ancora la dinamica dell'incidente: diversi testimoni però riportano che le condizioni del ciclista sembravano preoccupanti. Sul posto immediato l'intervento di un'ambulanza del 118, che ha trasportato l'uomo all'ospedale Maggiore di Novara, dove si trova ricoverato. Non ci sono ancora informazioni sulla gravità delle sue ferite. Sulla dinamica dell'incidente indaga la polizia locale, che si è anche occupata di dirigere il traffico, immediatamente congestionato in tutto la zona. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di sandro
    sandro

    Era, ed e' una rotonda estremamente pericolosa per l'attraversamento pedonale. Sicuramente questo non sarà ne il primo e ne l'ultimo degli "stiramenti", o per meglio degli incidenti. Pericolosità sempre presente e latente, se non si concepisce un qualcosa di strutturale per l'attraversamento in sicurezza di bici e ancor piu' pedoni. Pedoni composti da famigliole appiedate con bimbi appresso, perchè autoesenti (in genere composte da famiglie esxtracomunitarie che auto non posssono permettersi ) o d'anziani, solitari, appiedati e anch'essi con borse piene di cibo. Sempre costretti ad attraversare le strisce pedonali poste a raso stradale, che portano al Market Esselunga. Fascia d'anziani, che velocemente devono attraversare con la loro persa agilità in un turbilion di auto che niente e nessuno rispettano. Cosa si aspetta nel valutare un sotto passo che azzererebbe tutte queste situazioni. Tanti soldi spesi per l'abbellimento e messe a norma delle rotonde li presenti o l'apertura  dei nuovi spazi espositivi. In questo cambiamento di designer architeturale, niente e nessuno ha concepito un sottopasso. Si precisa sottopasso, non sovrapasso, perchè quest'ultimo avrebbe una relizzazione impegnativa strutturalmente, con altezza notevole per permettere il passaggio di grossi TIR, e ancor, più con scale arrocate; queste estremamente scovenienti e non pratiche (si immagini un'anziano/a con due borsoni pieni di cibo che sale e scende con problemi deambulatori ). Come premesso, tutto non pratico dal punto di vista funzionale, perchè tutti continuerebbero nell'attraversamento posto a raso strada. Pertanto, l'unica soluzione è il sottopasso !!!. 

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Vercelli, 16 persone avvelenate dal monossido di carbonio: evacuato un intero palazzo

  • Incidenti stradali

    Incendio in autostrada, camion in fiamme e traffico bloccato

  • Incidenti stradali

    Incidente a Trecate: tre feriti, grave una donna di 70 anni

  • Cronaca

    Omicidio Lagrutta, chiesti 22 anni per il presunto mandante della rapina in cui morì la gioielliera

I più letti della settimana

  • Bellinzago, 44enne trovato morto nella sua casa

  • Trenord cerca personale, 200 posti di lavoro disponibili: come candidarsi

  • Incidente all'incrocio: schianto tra più auto in corso Risorgimento

  • Cosa fare in città: tutti gli eventi del fine settimana del 12 e 13 gennaio

  • Novara, lo sportello del centro prelievi cambia sede

  • Incidente a Cameri, schianto frontale sulla strada per Bellinzago

Torna su
NovaraToday è in caricamento