Incidente a Lumellogno, un colpo di sonno la causa dello schianto in cui è morta Isabella Cibo Ottone

La 25enne si trovava sull'auto guidata dal fidanzato. Secondo le ricostruzioni sarebbe stato un colpo di sonno a provocare l'incidente

Isabella Cibo Ottone ha perso la vita nello schianto di sabato 18 a Lumellogno

Un colpo di sonno: l'auto sbanda, abbatte un palo in cemento e poi si ribalta in un fossato in asciutta.

Sarebbe questa la dinamica dell'incidente in cui ha perso la vita sabato notte Isabella Cibo Ottone, 25 anni, di Cameri. La ragazza stava viaggiando sulla Fiat 500 guidata dal fidanzato: erano le 4 del mattino e i due giovani stavano tornando dalla discoteca Il Globo dove avevano trascorso la serata.

Sul rettilineo di Lumellogno però un improvviso colpo di sonno ha fatto sbandare l'auto, che ha invaso la carreggiata opposta e ha terminato la sua corsa nel fosso. Il fidanzato è riuscito ad uscire dall'auto e ad allertare i soccorsi, ma per Isabella non c'è stato niente da fare: nonostante i tentativi di rianimazione la giovane è morta.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Incidente in autostrada, auto sbanda e finisce in un campo ribaltata

    • Cronaca

      Auto in fiamme a Dormelletto, illeso il conducente

    • Economia

      Carrefour, il punto vendita di Borgomanero chiude ad aprile per poi riaprire

    • Politica

      Elezioni comunali, quando e dove si vota?

    I più letti della settimana

    • Borgo Vercelli, accoltella l'ex moglie in mezzo alla strada

    • Oleggio Castello, litiga con il vicino di casa e lo accoltella

    • Il canale sotterraneo fa ancora paura, chiuso viale Volta per motivi di sicurezza

    • "Toglimi mio figlio e ti sfracello", le parole su Facebook dell'uomo che ha accoltellato l'ex moglie

    • Giornata della salute della donna, visite specialistiche gratuite per tutte le novaresi

    • Incidente a Novara, furgone sbanda e si sfracella contro il muro di una casa

    Torna su
    NovaraToday è in caricamento