San Maurizio, rischiano di morire intossicati dalla stufa a legna

Un uomo e una donna sono stati trasferiti in camera iperbarica

La camera iperbarica di Fara

Se la sono vista brutta due persone, un uomo e una donna, che nella mattinata di giovedì 8 novembre hanno deciso di accendere una stufa a legna in casa per scaldarsi.

I due, un uomo del 1986 e una donna del 1989, hanno acceso la stufa nella propria abitazione di San Maurizio D'Opaglio, ma qualcosa è andato storto: la casa si è riempita di monossido di carbonio. Entrambi hanno iniziato a manifestare sintomi come cefalea, affaticamento, nausea e svenimenti, per cui verso le ore 9 sono stati visitati al pronto soccorso di Borgomanero. Da qui sono stati trasferiti al Centro Iperbarico di Habilita "I Cedri" di Fara per essere sottoposti a un trattamento in regime di emergenza di ossigeno terapia in camera iperbarica. Ora stanno bene, anche se sono ancora tenuti sotto osservazione e dovranno ripetere il trattamento nei prossimi giorni. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Assalto al Monopolio di Novara: sfondano l'ingresso con un tir e rubano migliaia di euro di sigarette

  • Cronaca

    Incendio sulla A4: furgone prende fuoco nell'area di servizio di Novara Nord

  • Cronaca

    Trecate, controlli antidroga in stazione: fermato un 23enne

  • Incidenti stradali

    Incidente a Novara, apre la portiera e travolge una ciclista in corso Vercelli

I più letti della settimana

  • Gozzano, 13enne colpito da una pallonata al petto va in arresto cardiaco: è gravissimo

  • Tragedia a Caltignaga, uccide la moglie e poi tenta il suicidio

  • Maxi sequestro a Novara: 500 kg di droga scaricata da un tir in un garage in città

  • Medico di Borgomanero brevetta gli occhiali che individuano i tumori al cavo orale

  • "Ti abbiamo ripreso mentre eri su un sito porno, dacci dei soldi o diffondiamo il video"

  • Novara, sequestrato un camion con oltre 500 kg di droga pronta per essere scaricata

Torna su
NovaraToday è in caricamento