Un'altra persona intossicata dal monossido di carbonio: come riconoscere i sintomi e proteggersi

Nel fine settimana sei persone sono finite in camera iperbarica

Un'altra persona è rimasta intossicata dal monossido di carbonio.

Dopo la famiglia di Sant'Agabio e i coniugi di Sozzago, un 63enne residente a Stresa è finito in camera iperbarica alla casa di Cura Habilita I Cedri di Fara per aver inalato il micidiale gas. I casi, soprattutto in inverno, sono sempre più frequenti.

Cos'è il monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO), come spiega l'Istituto Superiore di Sanità, è un gas inodore e incolore che provoca la morte quasi immediata di chiunque lo respiri. E’ un prodotto di combustione emesso dai motori a benzina, fornelli, stufe, generatori, lampade a gas, oppure che brucino carbone o legno. L'accumulo di monossido di carbonio in spazi completamente o parzialmente chiusi può provocare la morte per avvelenamento di persone e animali presenti.

Come riconoscere l'avvelenamento da CO

L'esposizione a monossido di carbonio può provocare perdita di coscienza e morte. I sintomi più comuni dell'avvelenamento da CO sono mal di testa, vertigini, debolezza, nausea, vomito, dolori al petto e stato confusionale. Persone addormentate o in stato di ubriachezza possono morire prima di avere i sintomi. Chiunque sospetti un avvelenamento da CO deve rivolgersi immediatamente a un pronto soccorso.

Come evitare l'intossicazione

É buona norma far controllare gli impianti di riscaldamento, le stufe e i camini prima dell'accensione nella stagione invernale, per evitare malfunzionamenti che potrebbero provocare un accumulo di monossido di carbonio. Non usare mai un forno o un fornello a gas per riscaldare la casa e non accendere mai griglie a carbone e barbecue dentro casa, in tenda o in camper.

Non usare mai generatori o qualsiasi apparecchio a gas all'interno di spazi chiusi, anche se porte e finestre sono aperte, a meno che l'attrezzatura non sia stata installata correttamente e abbia una valvola di sfogo. Non lasciare mai un veicolo acceso in un parcheggio all'interno di uno spazio completamente o parzialmente chiuso, come per esempio un garage.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Piemonte mascherine obbligatorie per gli addetti alla vendita e raccomandate per chi fa la spesa

  • Coronavirus, in Piemonte prorogata l'ordinanza con più restrizioni: no attività sportiva e passeggiate

  • Coronavirus, in arrivo i buoni spesa: chi ne ha diritto e come richiederli a Novara

  • Coronavirus, morto infermiere novarese di 51 anni: aveva quattro figli

  • Coronavirus: mascherine in distribuzione gratis a Novara, ma non in tutta la città

  • Coronavirus, cauto ottimismo dal Maggiore di Novara: in Piemonte 9.418 i casi

Torna su
NovaraToday è in caricamento