Lutto nel borgomanerese: è mancato il dottor Pierfranco Rocco

A 61 anni è morto il medico di base Pierfranco Rocco, viveva a Borgomanero, ma esercitava a Veruno e Agrate Conturbia

Dottor Pierfranco Rocco

Alle prime luci del mattino di ieri, all'ospedale Maggiore di Novara, è mancato il dottor Pierfranco Rocco.

Il medico, laureato all'Università di Pavia, aveva 61 anni.

Molto conosciuto in città, suo padre era il farmacista della storica farmacia Rocco di viale Marazza, ora gestita dalla sorella Pinuccia, lascia i figli Gabriele e Gianluca e la moglie Clementina.

I verunesi, che da circa 30 anni visitava negli ambulatori di Veruno e Revislate, sono rimasti molto scossi e dispiaciuti della grave perdita.

"È morto di tumore, era già stato operato qualche anno fa, sembrava che tutto si fosse risolto, ma poi si è ripresentato - ci raccontano dall'Amministrazione comunale - era a casa in malattia da inizio dicembre, sarebbe dovuto rientrare l'8 gennaio, ma non è più tornato". "Era una persona sempre disponibile e professionale, un uomo umile, altruista, dolce - aggiungono i suoi pazienti - resterà sempre nei nostri pensieri per l'umanità e la professionalità dimostrata".

Questa sera, martedì 20 febbraio, alle 18.45 nella collegiata di San Bartolomeo, si terrà il rosario e domani alle 11, nello stesso luogo, il funerale.

Potrebbe interessarti

  • Quando e perchè cambiare le lenzuola

  • Novara, nuovi trattamenti endoscopici mini-invasivi per l'obesità al Maggiore

  • 5 rimedi naturali per allontanare le formiche da casa

  • La ciliegia: il frutto benefico per salute e bellezza

I più letti della settimana

  • Bogogno, schianto fra auto e moto: gravissimo il centauro

  • Novara, rissa in pieno centro fra un gruppo di ragazzi

  • Cannobio, si trancia un dito mentre sta lavorando al supermercato

  • Druogno, incidente mortale: vittima un pensionato investito da un'auto

  • Novara, entra in un negozio del centro ed esce senza pagare: bloccato dalla titolare

  • Verbania, 46enne ferito al collo per strada: è gravissimo

Torna su
NovaraToday è in caricamento