giovedì, 24 luglio 23℃

Teatro e scuola: sette spettacoli dedicati agli studenti novaresi

Si parte a novembre con "La gatta bianca", che ha debuttato sul palco del teatro novarese lo scorso 14 settembre. Patti: "L'obiettivo è avvicinare i ragazzi al teatro"

Valentina Matteo 22 settembre 2013

E' stata presentata venerdì mattina la stagione "Teatro - Scuola" del Coccia dedicata agli studenti degli istituti scolastici cittadini.

Sette spettacoli che affronteranno altrettanti temi importanti, per la crescita dei ragazzi, e che si rivolgeranno ad un pubblico che dai 3 ai 14 anni. Si parte a novembre con "La gatta bianca" (in programma il 20 e dedicato agli alunni dai 10 anni in su), che ha debuttato sul palco del teatro novarese lo scorso 14 settembre.

"Quella che inauguriamo oggi (venerdì 20 settembre, ndr) - ha commentato la direttrice del Coccia Renata Rapetti - è la stagione più importante, perchè è quella che deve collaborare a formare i ragazzi e a farli innamorare del teatro. Gli spettacoli saranno sette, due dei quali prodotti dal Coccia, e uno in lingua inglese. Tutti tratteranno temi che possono dare la possibilità agli insegnanti di lavorare con i ragazzi anche dopo lo spettacolo, tra i banchi di scuola".

In particolare, le due produzioni del Coccia sono "La gatta bianca", fiaba giocosa per soprano e piccola orchestra di Sandra Conte, e "Lo scoiattolo in gamba" (17 marzo 2014), favola lirica in un atto di Eduardo De Filippo, adattamento e regia di Emiliana Paoli, rivolto a un pubblico che va dai 3 ai 10 anni. Ai due spettacoli gli studenti potranno partecipare anche attivamente, per renderli partecipi della magia del teatro e portarli sul palcoscenico, coinvolgendoli in prima persona per farli avvicinare all'opera e al teatro.

Tra gli altri titoli in programma, "The great britain show" (16 maggio 2014), lo spettacolo in lingua inglese dedicato agli studenti tra gli 11 e i 14 anni. "Monstry" (17 dicembre), spettacolo sulla paura, è invece dedicati ai bambini dai 3 agli 8 anni; mentre "Io me ne frego" (29 gennaio 2014), che tratta i temi del bullismo e dell'amicizia, è rivolto ai ragazzi tra gli 11 e i 14 anni.

"L'obiettivo - ha commentato l'assessore all'Istruzione del Comune di Novara Margherita Patti - è proprio quello di avvicinare i ragazzi al teatro. Gli argomenti non sono scelti a caso, ma sono tutti temi che attraversano la vita dei nostri studenti e che spesso gli insegnanti si trovano in qualche modo a dover affrontare".

Venerdì 14 febbraio 2014 in programma c'è lo spettacolo "... e cadde addormentata", tratto dalla fiaba "La della addormentata nel bosco", è ispirato al tema del "non vivere in una campana di vetro" e si rivolge ad un pubblico che va dai 3 ai 10 anni. Infine, "Senza coda" (9 aprile 2014), tratta il tema delle differenze e della diversità, ed è dedicato ai ragazzi dagli 8 ai 12 anni.

Annuncio promozionale

"Vorrei sottolineare un aspetto - ha dichiarato l'assessore alla Cultura Paola Turcelli - quello cioè della complessità dell'organizzazione e dell'importanza del messaggio. Questa stagione teatrale  non è stata proposta in maniera casuale. In questo modo si chiude un cerchio: quando si dice che non si fa sistema si sbaglia, io credo che sia questo il vero sistema culturale di una città. Famiglie e scuole unite attraverso il sostegno dell'amministrazione, che si occupa anche di far crescere culturalmente i nostri bambini, per creare in loro una coscienza critica. E allora tutti insieme stiamo facendo squadra per offrire una qualità diversa ai nostri figli".

scuola

Commenti