Blitz della Digos contro gruppi di estrema destra, è di Oleggio uno dei 3 arrestati

L'uomo, 51 anni, è stato fermato in un albergo vicino all'aeroporto di Forlì

E' di Oleggio uno dei tre uomini arrestati durante l'operazione della Digos di Torino, che ha portato al sequestro, in diverse province del Nord Italia, armi da guerra nella disponibilità di soggetti "orbitanti" nell’estrema destra oltranzista.

Si tratta di un 51enne che è stato fermato in un albergo vicino all'aeroporto di Forlì insieme al suo socio, uno svizzero di 42 anni, anche lui finito in manette. I due, secondo quanto ricostruito dalla polizia, sarebbero di detenzione e messa in commercio di un missile aria/aria Matra in utilizzo alle forze armate del Qatar. Il terzo arrestato è invece un 60enne di Gallarate, che in casa custodiva un vero e proprio arsenale di armi da guerra, detenute illegalmente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’operazione, coordinata dalla Procura di Torino, ha interessato le Procure di Forlì, Novara, Busto Arsizio, Pavia e le locali Digos delle Questure che sono state dirette dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione-Ucigos. Le indagini sono ancora in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: dal 10 luglio niente più distanziamento su treni e bus

  • Incidente in tangenziale a Novara: motociclista finisce contro il guard rail

  • Stresa, si masturba davanti ai passanti: 26enne denunciato dai carabinieri

  • Incidente a Oleggio, ciclista investito da un'auto

  • Vco, si ribalta e rimane incastrata fra le lamiere dell’auto: persona ricoverata

Torna su
NovaraToday è in caricamento