Blitz della Digos di Torino contro gruppi di estrema destra, coinvolta anche Novara

L'operazione in diverse province del Nord Italia. Sequestrate armi da guerra, tra cui un missile in uso alle forze armate del Qatar

Il materiale e le armi sequestrate

Coinvolge anche la provincia di Novara l'operazione della Digos di Torino che ha sequestrato in diverse province del Nord Italia armi da guerra nella disponibilità di soggetti "orbitanti" nell’estrema destra oltranzista.

Oltre al capoluogo piemontese sono infatti coinvolti anche gli uffici della Digos di Milano, Varese, Pavia, Novara e Forlì, coordinati dalla polizia di prevenzione - Ucigos.

Durante l’operazione coordinata della Procura della Repubblica di Torino, oltre ad un autentico arsenale di armi da guerra (fucili d’assalto automatici  di ultima generazione), è stato sequestrato anche un missile aria-aria perfettamente funzionante ed in uso alle forze armate del Qatar. Tre le persone arrestate: un 60enne italiano residente a Gallarate (Varese), mentre uno svizzero di 42 anni e un italiano di 51 anni sono stati fermati in un albergo vicino all'aeroporto di Forlì. Nel novarese, gli uomini della Digos hanno eseguito una perquisizione domiciliare.

L’operazione del servizio antiterrorismo dell’Ucigos e della Digos di Torino trae origine dalle attività di alcuni combattenti italiani con ideologie oltranziste che in passato avrebbero preso parte al conflitto armato nella regione ucraina del Donbass.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fontaneto, schianto mortale: e' un anziano di Oleggio molto conosciuto la vittima dell'incidente

  • Fontaneto, schianto fra due auto: è morto l'uomo portato in gravi condizioni a Borgomanero

  • Novara, in manette per spaccio un "insospettabile": in casa droga e 14mila euro in contanti

  • Incidente a Novara, auto si ribalta in via Biroli: un ferito estratto dalle lamiere

  • Palpeggia una bambina sulle scale del condominio: in manette 24enne di Novara

  • Fontaneto, schianto fra auto: un uomo in pericolo di vita e una altro gravissimo in rianimazione

Torna su
NovaraToday è in caricamento