Borgomanero: presi i vandali che hanno danneggiato il parcheggio della stazione

I ragazzi sono tutti borgomaneresi, alcuni minorenni. Oltre a risarcire il Comune, faranno lavori socialmente utili

Parcheggio sotterraneo di piazzale Marazza

Trovati i colpevoli, almeno in parte, degli atti vandalici compiuti nel parcheggio sotterraneo antistante la stazione ferroviaria, rimangono invece purtroppo impuniti gli autori dello svuotamento degli estintori, avvenuto la scorsa estate, del parcheggio comunale interrato sul lungo Agogna e quelli del parco di Villa Marazza.

Le telecamere di sorveglianza, rinnovate con "occhi" più potenti, sono riuscite a cogliere sul fatto alcuni ragazzi mentre svuotavano gli estintori, rimessi a nuovo per la riapertura, dopo diversi mesi, del parcheggio di piazzale Marazza. Ne sono stati individuati 7, sono tutti residenti a Borgomanero e alcuni di loro sono minorenni.

"Li convocheremo con i loro genitori, oltre a pagare il danno che l'ufficio tecnico sta quantificando - ha detto il sindaco Sergio Bossi - dovranno fare dei lavori sociali perchè devono capire l'entità del danno che hanno arrecato alla comunità". Infatti il parcheggio gratuito coperto è usato da molti pendolari che quotidianamente si servono del treno o del bus per andare a scuola o al lavoro.

Potrebbe interessarti

  • 5mila trapianti di rene eseguiti in Piemonte: l'ultimo a Novara

  • Come smettere di fumare in dieci passi

  • I 3 migliori spioncini digitali per porte blindate

  • Il potassio: dove trovarlo e i benefici

I più letti della settimana

  • Motociclista novarese di 25 anni muore in un incidente in Calabria

  • Novara, le baby gang tengono in ostaggio la zona del Carrefour di viale Giulio Cesare

  • Giovane novarese scomparso in Spagna: l'appello della famiglia

  • Incidente a Trecate, frontale prima dell'alba sulla provinciale: le auto prendono fuoco

  • Cosa fare in città: gli appuntamenti del fine settimana di Ferragosto

  • Ritrovato il giovane novarese scomparso in Spagna: sta bene

Torna su
NovaraToday è in caricamento