Omicidio della piccola Matilda: si arriva in Cassazione

La madre, Elena Romani, è già stata assolta due volte. Per lei, unico imputato nel processo per la morte della figlia di 22 mesi, l'accusa è di omicidio preterintenzionale

E' cominciato oggi, presso il tribunale della Corte di Cassazione di Torino, il processo per la morte di Matilda Romani, la piccola neonata di 22 mesi, uccisa lo scorso 2 luglio 2005 nella sua casa di Roasio, in provincia di Vercelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Unico imputato per l'omicidio della piccola Matilda è la madre, Elena Romani, accusata di omicidio preterintenzionale, ma già assolta per due volte dalla Corte d'Assise di Novara, il 12 novembre del 2007, e dalla Corte d'Assise di Torino, il 15 dicembre di due anni fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, dal 3 giugno niente più mascherina obbligatoria all'aperto in Piemonte

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Elettrocardiogrammi: dal 3 giugno necessaria la prenotazione per effettuare l'esame

  • Coronavirus, +57 positivi in Piemonte: stabile la situazione a Novara, ma c'è un decesso

  • Tragedia a Cerano, i vigili del fuoco entrano in casa e trovano un 58enne morto

Torna su
NovaraToday è in caricamento