Prodotti scaduti tra gli scaffali: multati due supermercati novaresi

Controlli della Forestale in diversi punti vendita della provincia. Riguardo alle disposizioni in materia di contrasto alla diffusione del coronavirus non sono invece state riscontrate violazioni o situazioni di rischio

Tre nel complesso, per un totale di 21mila euro, le sanzioni emesse dalla Forestale

Prodotti scaduti in vendita tra gli scaffali di due supermecati della provincia. Lo ha scoperto la Forestale di Novara, nel corso di alcuni controlli svolti nei giorni scorsi presso alcuni punti vendita del novarese. I due supermercati sono perciò stati multati, per un totale di 21mila euro.

I controlli

"L’attività di controllo - spiegano dalla Forestale - è stata avviata allo scopo di rafforzare le azioni di tutela del consumatore in questo momento particolare che sta affrontando il paese. I controlli sono stati indirizzati su verifiche della filiera delle produzioni agroalimentari e sull’etichettatura degli alimenti. L’azione di controllo, appena avviata, proseguirà allo scopo di assicurare un presidio di vigilanza in settori di forte attenzione da parte dei consumatori".

Nel corso dei controlli, nei due supermercati in questione sono state riscontrate irregolarità sull’etichettatura dei prodotti. In un primo caso, sono state ritrovate diverse confezioni di prodotti scaduti: tre confezioni di polpette di carne e quattro di baccalà. Un’ulteriore confezione di hamburger è invece risultata priva di etichettatura. Al responsabile del punto vendita sono state contestate due violazioni amministrative per un controvalore totale di 11mila euro.

In un secondo caso, presso un altro supermercato, sono state ritrovate due confezioni di testina cotta sottovuoto, entrambe ampiamente scadute. Al direttore del punto vendita è stata contestata una violazione amministrativa pari a 10mila euro.

Tutti i prodotti non conformi sono stati sottoposti a sequestro amministrativo e saranno avviati a distruzione.

Rispettate le misure previste dai Dpcm

In nessun caso sono per fortuna emerse situazioni di rischio per la salute pubblica ne potenziali pericoli di ordine sanitario a carico dei consumatori. I controlli sono anche stati estesi al rispetto delle disposizioni dei Dpcm 8, 9 ed 11 marzo 2020, in materia di contrasto alla diffusione del coronavirus, e non sono state riscontrate violazioni ne potenziali situazioni di rischio di diffusione del virus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, dal 3 giugno niente più mascherina obbligatoria all'aperto in Piemonte

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

  • Novara, c'è la data ufficiale di apertura del supermercato Aldi in corso della Vittoria

  • Elettrocardiogrammi: dal 3 giugno necessaria la prenotazione per effettuare l'esame

Torna su
NovaraToday è in caricamento