L'Asl di Novara in prima linea per la diagnosi precoce dei tumori al seno

Al via il progetto di ricerca "Proteus Donna", che rientra nell'ambito del programma di screening "Prevenzione Serena" ed è rivolto alle donne tra i 46 e i 68 anni di età

L'ospedale di Borgomanero

Ha preso il via nell'Asl di Novara, all'ospedale di Borgomanero, il progetto di ricerca "Proteus Donna", finalizzato al miglioramento della diagnosi precoce del tumore della mammella.

Il progetto rientra nell’ambito del programma di screening "Prevenzione Serena" ed è rivolto alle donne tra i 46 e i 68 anni di età, invitate tramite lettera.

La mammografia 2D oggi consente di effettuare una diagnosi precoce finalizzata a diminuire l’incidenza del tumore in stadio avanzato fino al 20-30% e a ridurre la mortalità in età compresa tra i 50 e i 69 anni. Il progetto "Proteus Donna" è stato promosso dalla Regione Piemonte, da IM3D, azienda torinese leader nella diagnostica per immagini, e dalla Fondazione Edo ed Elvo Tempia e sarà condotto sotto la responsabilità scientifica del Centro di Prevenzione Oncologica di Torino.

Lo studio clinico si avvale della partnership di professionisti dell’Università degli Studi di Torino e del Csi Piemonte. Il sistema informatico di "Proteus Donna" scegle quali donne inviare alla 2D o alla 3D; l’adesione è volontaria, chi non volesse o potesse effettuare la 3D verrà sottoposta a mammografia digitale 2D. Sono escluse dallo studio le donne con storia personale di carcinoma mammario e/o altre malattie oncologiche in cura, malattie invalidanti gravi o terminali, le portatrici di protesi mammarie o incapaci di esprimere un consenso informato.

L’obiettivo dell’intero studio è quello di confrontare le performance diagnostiche della mammografia 3D con quelle della mammografia tradizionale dal punto di vista clinico, della prevenzione e sotto il profilo tecnico-organizzativo. Nel progetto sono coinvolte le strutture di Radiodiagnostica di Arona e Borgomanero, a cui sono stati affidati due mammografi digitali, e l’Uvos [Unità Valutazione Organizzazione Screening] dell’Asl di Novara.

"Con il progetto Proteus Donna - commenta Pietro Presti, direttore generale della Fondazione Tempia - l'Asl di Novara porterà un contributo fondamentale allo screeening mammografico, sia in termini di digitalizzazione sia in termini di metodica sperimentale quale è la Tomosintesi, mammografia 3D. La Fondazione Edo ed Elvo Tempia, già punto di rifermento per il non profit oncologico nel Piemonte Nord-Orientale, è particolarmente fiera di poter contribuire in questo importante progetto per le sedi di Borgomanero e Arona, auspicando una piena partecipazione da parte delle donne che saranno invitate alla sperimentazione".

"Progetti di questo genere - sottolinea Adriano Giacoletto, direttore generale dell’Asl No - sono la dimostrazione tangibile del valore della collaborazione tra le istituzioni e il mondo del sociale che si concretizzano in azioni di miglioramento della qualità e dell’efficienza del servizio sanitario per garantire risposte ai bisogni di salute della popolazione, e rappresentano anche un valido strumento per contrastare la mortalità di una patologia oncologia diffusa nell’universo femminile".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borgomanero, chiuso dal Questore il bar Capolinea: "Abituale ritrovo di persone pericolose"

  • Fontaneto, schianto fra due auto: è morto l'uomo portato in gravi condizioni a Borgomanero

  • Fontaneto, schianto mortale: e' un anziano di Oleggio molto conosciuto la vittima dell'incidente

  • Fontaneto, schianto fra auto: un uomo in pericolo di vita e una altro gravissimo in rianimazione

  • Incidente a Novara, pedone investito da un'auto in corso Risorgimento

  • Cosa fare in città: gli appuntamenti del fine settimana del 14 e 15 settembre

Torna su
NovaraToday è in caricamento