Provincia di Novara: tempo di bilanci per il Progetto Yura

L'iniziativa si prefigge l'obiettivo di arginare il fenomeno della migrazione giovanile qualificata verso Regioni in grado di offrire maggiori opportunità di lavoro. E ad agosto del 2012, il progetto partì proprio da Novara

Tempo di bilanci per il Progetto Yura, che vede la Provincia di Novara coinvolta a fianco di altri partner europei - sia pubblici che privati -  e interamente finanziato dall’Unione Europea tramite il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (75%), e dallo Stato attraverso il Fondo di Rotazione istituito dal Cipe (25%).

Varato nel marzo 2010 si prefigge l'obiettivo di arginare il fenomeno della migrazione giovanile qualificata verso Regioni in grado di offrire maggiori opportunità di lavoro. Ad agosto 2010 il progetto Yura prese le mosse proprio da Novara, con la prima dissemination conference, cui presero parte tutti i partner europei e numerosi amministratori, esperti ed addetti ai lavori del territorio novarese. Fu in quell’occasione che si gettarono le basi di tutto ciò che è stato poi sviluppato nei due anni successivi.

"E ora che il progetto volge verso il termine, avendo ormai svolto pressoché tutte le azioni previste - ha dichiarato Valerio Cipolli, responsabile del Progetto per conto della Provincia di Novara - siamo lieti di poter nuovamente ospitare i diversi partner che sono qui riuniti oggi per mettere a punto i documenti strategici conclusivi che verranno presentati alle Direzioni Generali europee responsabili delle politiche demografiche e giovanili".

Ampia parte del progetto Yura si è sviluppata attorno alle quattro diverse azioni sperimentali (Pilot Actions), ciascuna delle quali ha visto lavorare sull’obiettivo specifico i partner europei che presentavano un quadro della situazione locale che più si accordava con la materia.

"La Provincia di Novara - ha spiegato l’assessore all’Istruzione Anna Maria Mariani - è stata coinvolta in due azioni pilota, che vanno sotto il nome di 'Business Academy' e 'Future Laboratory'. La prima, che ha visto la nostra Provincia operare accanto ai partner tedeschi, austriaci, cechi e polacchi, aveva quale obiettivo la sperimentazione di un percorso formativo di carattere innovativo destinato alla precoce individuazione e valorizzazione di giovani dotati di talento in specifici settori di apprendimento al fine di facilitarne il percorso didattico ed il conseguente inserimento professionale. In questa azione pilota la Provincia di Novara ha coinvolto attivamente e con un approccio di tipo verticale quattro scuole del territorio che hanno adottato il modello proposto: Istituto Immacolata delle Salesiane di Don Bosco, Istituto Comprensivo Baluardo Partigiani, Liceo Musicale Casorati, Conservatorio Cantelli. Il Future Laboratory, nel quale la Provincia era affiancata da partner tedeschi, cechi, austriaci, polacchi e ungheresi, ha avuto uno svolgimento finalizzato allo sviluppo di metodi e strumenti operativi attraverso cui delineare scenari futuri di maggiore attrattività territoriale, con riguardo ai diversi aspetti sociali, occupazionali, amministrativi e più in generale di stile di vita consentito dalla situazione locale. Il tutto garantendo un apporto significativo dei giovani, visti per una volta come soggetti attivi delle scelte relative al loro futuro. In questo ambito la Provincia di Novara ha elaborato e sperimentato uno strumento innovativo nel campo dell’orientamento scolastico, vale a dire il portale internet NovaScuola, disponibile on-line all’url www.novascuola.provincia.novara.it".

Al di là di questi due progetti pilota che hanno interessato direttamente la Provincia di Novara, Yura ha messo in campo altre due linee di azione, portate avanti dagli altri Partner: "Si tratta - ha spiegato nel dettaglio Birgit Haring, rappresentante del partner austriaco EU-Regional Management South-West Styria che ha svolto il lavoro di coordinamento delle quattro azioni pilota - di 'Learning Partnership', mirata ad incentivare la  partecipazione dei giovani a percorsi di tirocinio e apprendistato al fine di facilitarne l’inserimento lavorativo, e 'Research Centre for pupils', un interessante esperimento di responsabilizzazione dei giovani attraverso un percorso parallelo e contemporaneo a quello scolastico, condotto in stretto raccordo con le ditte locali".

"Ora dall’analisi di quanto fin qui condotto - ha spiegato Andreas Schweitzer, rappresentnate del leader del progetto Yura, il Ministero per lo Sviluppo Regionale della regione tedesca Sachsen-Anhalt - dovremmo trarre gli spunti per verificare la trasferibilità delle diverse iniziative in altre regioni e ampliarne la diffusione ed efficacia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nel frattempo - ha concluso l’assessore alle Politiche Comunitarie della Provincia di Novara Giuseppe Policaro - sul territorio sono già stati investiti circa 200mila euro, cui a breve dovrebbe aggiungersi un ulteriore piccolo finanziamento sempre con l’obbiettivo di orientare i giovani verso le nuove esigenze del mondo del lavoro".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento